Pubblicitari francesi: “Quell’immagine è troppo esplicita”

di

L'Associazione dei Professionisti per una Pubblicità Responsabile si scaglia contro la campagna voluta dal governo contro la diffusione dell'Aids tra gli omosessuali. La causa? Foto troppo esplicita.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1278 0

La Francia è sempre stata all’avanguardia in termini di diritti civili e apertura culturale, non a caso si guarda ai Pacs come ad un modello da imitare. Ma i tempi cambiano anche per i cugini d’oltralpe e l’omofobia rischia di diffondersi a livelli impensabili fino a qualche anno fa.
La notizia a cui ci riferiamo è di ieri. "L’immagine di due uomini nudi su un letto infastidisce alcune persone in Francia. L’Associazione dei professionisti per una Pubblicità Responsabile – si legge in un articolo del quotidiano spagnolo ‘El Paìs’ – ha censurato la campagna istituzionale contro la diffusione dell’Aids nella comunità gay perché la foto utilizzata nel manifesto è troppo esplicita".

"Questo genere di scrupoli non si hanno quando si tratta di coppie eterosessuali – ha dichiarato un portavoce dell’associazione Act Up Paris che si occupa di lotta all’Aids -. E’ un trattamento riservato alla comunità gay". L’associazione ha preteso che la campagna andasse avanti sia sui media gay che sui maggiori mezzi di comunicazione e che l’Istituto Nazionale per la Prevenzione ed Educazione alla salute e il Ministero della Sanità condannino il veto emesso dall’Associazione dei pubblicitari.
Organizzazioni gay e lesbiche hanno denunciato la tendenza della società a dosare i messaggi che hanno a che vedere con l’omosessualità e l’Hiv e come questi vengano regolarmente evitati per non ferire la sensibilità del pubblico.

Leggi   I 10 film da vedere che trattano il tema dell'HIV e dell'AIDS
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...