"COSTRETTI A TACERE"

Lettera aperta di Mario e Antonio, i due ragazzi che si sono sposati recentemente in Olanda, indirizzata al Presidente Ciampi, in anteprima su Gay.it: forse Grillini la leggerà al Costanzo Show.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Mario Ottocento e Antonio Garullo, i due ragazzi che il primo giugno scorso si sono sposati all’Aja, in Olanda, grazie all’unica legge europea che equipara le unioni gay con quelle eterosessuali. Mario e Antonio erano invitati alla puntata del Maurizio Costanzo Show di stasera, ma, per motivi che non hanno voluto precisare, hanno scelto di non partecipare, e di rinunciare da ora in poi ad ogni apparizione pubblica e ad ogni rivendicazione. La lettera che segue dovrebbe essere letta stasera da Franco Grillini durante la trasmissione su Canale 5. In questa lettera, indirizzata al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, pubblicata integralmente su Gay.it in anteprima, le ragioni della loro scelta.

I

Signor Presidente della Repubblica

Il primo giugno ci siamo uniti in matrimonio nel Comune dell’Aja dando atto formale alla nostra unione.

In Olanda abbiamo ascoltato le Sue parole: "Orgogliosi di essere Italiani". Le nostre opere hanno più volte rappresentato l’Italia nel mondo e noi, Signor Presidente siamo orgogliosi di essere e sentirci pienamente cittadini italiani,ancorché omosessuali.Ma vede, noi altrettanto siamo orgogliosi di essere e sentirci pienamente cittadini europei. Europa per noi è esperienza di vita,non concetto astratto.

La preghiamo Signor Presidente di far giungere a Sua Maestà Beatrice Regina d’Olanda, rassicurazioni che noi intendiamo il matrimonio legalmente contratto secondo le leggi di uno Stato membro della Unione Europea, cosa molto seria e non certo atto folcloristico.

Ti suggeriamo anche  Il vescovo: “Niente funerali per i gay sposati se non si pentono prima di morire”

Sà Signor Presidente qual è l’azione più coraggiosa che una coppia omosessuale è chiamata a compiere nell’Italia di oggi? Semplicemente camminare per strada mano nella mano.

II

Costretti a tacere, serenamente taceremo. Rinunciamo a rivendicazioni di diritto. In pericolo,in questo momento è la sussistenza stessa della nostra vita familiare.

Le spalle di due ragazzi non reggono, da sole, il peso della "Ragion di Stato".

Non c’è battaglia che tenga, quando in gioco c’è la difesa della propria famiglia.

Abbiamo consegnato alla storia di questo Paese l’atto più significativo della nostra vita di coppia, affinché altre persone acquisissero la consapevolezza della propria dignità di diritto.

Solo "Il tempo, grande scultore" avrà la capacità di delineare il vero profilo delle cose: se abbiamo messo un seme qualcuno un giorno ne coglierà i frutti.

Ci rivolgiamo a chiunque abbia con un bambino un legame di profondo affetto: credete voi che il bimbo che dorme tra le vostre braccia, sarà domani "oggettivamente moralmente disordinato" quando vorrà seguire null’altro che la propria natura?

Non credete che sarebbe più logico fargli trovare un mondo libero da pregiudizi e discriminazioni?

III

Ringraziamo le care persone che hanno vissuto con noi i momenti emozionanti in quel palazzo olandese.

Ringraziamo le persone sconosciute che da ogni parte del mondo hanno salutato la nostra unione.

Ti suggeriamo anche  Forza Nuova, Gay Center chiede il rinvio a giudizio per l'irruzione intimidatoria del 2016

Soprattutto ringraziamo la Gente di Latina:calorosa e affettuosa nell’approvazione,sempre rispettosa nella disapprovazione.Quanto ha da imparare la classe politica italiana da questa Gente.

Ringraziamo Franco Grillini, isolatissima voce nel generale "silenzio dei colpevoli":

Ringraziamo le Segreterie provinciali CGIL – CISL – UIL di Latina per il loro forte intervento a difesa dello stato di diritto.

Ringraziamo la giornalista Rita Calicchia.

Antonio Garullo – Mario Ottocento

IIII

Mario, mio grandissimo amore. Ci siamo amati dal primo istante in cui le nostre vite hanno avuto la fortuna di incrociarsi. Ogni giorno della mia vita lo chiamo vita perché tu sei al mio fianco, sei nel mio cuore, sei nei miei desideri.

"Noi non sappiamo quale sortiremo domani" ci ammonisce il nostro poeta, ma l’ultimo domani della mia vita sarà il più bello e il più intenso se ancora potrò specchiarmi nei tuoi profondissimi e splendenti occhi.

Ci siamo scambiati una promessa d’amore con la stessa naturalezza dei nostri intensi baci e con la profonda consapevolezza che vivere la vita insieme significherà rinnovare ogni giorno il nostro amore.

Animula Vagula Blandula

Hospes comesque corporis

Quae nunc abibis in loca

Pallidula Rigida Nudula

Nec ut soles dabis jocos

Antonio…