QX INTERVISTA PLATINETTE

Presentarice d’eccezione dei concerti al WGP, Platinette ci racconta i suoi progetti futuri tra libri, radio, teatro e programmi tv, e ci confessa che… è dimagrita!

Platinette è dimagrita! L’indiscussa icona travestita del sistema mediatico italiano, Regina e Signora unica e controcorrente nel panorama delle Drag Queen nazionali, senza compromettere le sue rotondità, ha perso quindici chili!

Ce lo ha confessato a Roma nella sua roulotte, durante la pausa pranzo della registrazione a piazza Farnese, del nuovo spot per

So che hai girato da poco un corto…

Sì, ho girato un corto diretto da Massimiliano Croci, di un quarto d’ora. Si chiama Maramero e io interpreto sia il ruolo di un uomo, che quello di una donna. Un sequestratore e una donna che fa televisione.

Platinette aspettavamo tutti con ansia il tuo nuovo programma televisivo su rai Due. Annunciato ma mai andato in onda.

Il programma si chiamava Tantra. Un quiz sul sesso con sei ospiti e cento persone in studio come pubblico.

Sarebbe dovuto andare in onda al posto di Alcatraz, ma con l’intervento pubblico di Veltroni, per far riprendere il programma di Folla ,ci hanno rimandato a settembre. Ma è chiaro che non si farà più. Dopo aver investito tante energie, con una spesa considerevole, per la registrazione del numero zero, la Rai ha deciso di lasciare in sospeso il programma per farlo chissà quando. Ma poi l’idea di fare un programma sul sesso non è che mi entusiasmasse più di tanto.

Che programma ti piacerebbe fare?

Un programma di ricette, al posto di Suor Germana, che non c’è più. Non ho nessuna aspirazione verso la tendenza, mi fa schifo, a dire il vero. Vorrei un programma di sabato e di domenica, tipo: “ La casa del Weekend “. Un programma normale, con un valletto e sigla finale. Non capisco perché nessuno fa più le sigle finali ai programmi.

Radio, cinema, televisione, quando ti vedremo anche a teatro?

Presto. Sto lavorando per mettere in scena un testo delizioso che mi ha proposto Matteo Bianchi, autore di Generations of Love. La regia sarà della attrice comica Luciana Littizzetto. È l’incontro di quattro “ sciamannate “ in un giorno di pioggia dal parrucchiere.

Per il World Pride presenterai il concerto degli artisti italiani la serata precedente alla manifestazione dell’ 8 luglio. Rimani per il corteo?

No, perché sabato mattina devo lavorare per la radio. Del resto faccio dei Gay Pride ogni giorno, da una vita, andando a lavorare facendo la travestita.

di Rocco Messere

LEGGI ANCHE

Storie

La Svezia non concede l’asilo, 19enne gay rischia di tornare...

Se in Iran scoprissero che è gay e cristiano, Mehdi potrebbe essere condannato a morte.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019

Musica

Caro Mahmood, l’omofobia esiste anche tra gli UNDER 30

Mahmood ribadisce di non aver mai fatto coming out, in quanto figlio di una generazione che non farebbe distinzioni. Ma...

di Federico Boni | 18 Febbraio 2019

Storie

Svizzera, primi passi per il matrimonio egualitario e le adozioni

Il testo "matrimonio per tutti" si fa strada all'interno del parlamento elvetico.

di Federico Boni | 18 Febbraio 2019