Radicali: Cappato arrestato in GB per droga

di

"Alle ore 16,00 di oggi 21 marzo, Marco Cappato, eurodeputato radicale, e' stato arrestato a Manchester per fatti di droga". Lo rende noto un comunicato dei Radicali.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
838 0

ROMA – “Alle ore 16,00 di oggi 21 marzo, Marco Cappato, eurodeputato radicale, e’ stato arrestato a Manchester per fatti di droga”. Lo rende noto un comunicato dei Radicali spiegando che “nel dicembre 2001,con Chris Davis, parlamentare europeo (Liberal-Democratico, UK), Marco Cappato ha attuato una disobbedienza civile sulle droghe recandosi presso la stazione di polizia di Stockport, vicino Manchester, con una piccola quantita’ di derivati della cannabis e conseguentemente arrestato. Lo scorso autunno i deputati europei sono stati giudicati colpevoli e condannati a pagare una multa. Nella seduta di oggi alla Stockport Magistrates Court, Cappato si e’ rifiutato di pagare la multa ed e’ stato imediatamente incarcerato. Il 20 marzo ha presentato a Londra uno studio preparato dalla Lega Internazionale Antiproibizionista sul fallimento globale del proibizionismo sulle droghe”.
Prima di essere incarcerato Cappato ha rilasciato la seguente dichiarazione alla stampa: “Sono qui oggi ad affrontare le gravi conseguenze di una legge ingiusta. Come attivista antiproibizionista nonviolento, sono pronto ad andare in prigione per aver violato una legge che non e’ stata in grado di ridurre l’uso e l’abuso di droghe in questo Paese come nel resto del mondo. Il proibizionismo sulle droghe, cosi’ come ogni forma di proibizionismo, non si e’ mai dimostrato essere il rimedio ai problemi sul tappeto. Anzi il contrario! Nel caso della droga, esso e’ stato strumentale nel generare enormi profitti per il crimine organizzato transnazionale, e nel criminalizzare i trasgressori che non commettono crimini violenti, come i consumatori di droga – che non danneggiano nessuno – e i tossicodipendenti – che dovrebbero essere trattati come persone bisognose di aiuto medico”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...