Radicali: "L’UE intervenga in Egitto"

di

Sono stati presentati emendamenti sottoscritti da parlamentari di quattro schieramenti politici ch eprotestano contro il trattamento subito adi 52 accusati di omosessualità al Cairo.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
757 0

Su iniziativa di Marco Cappato e Maurizio Turco, deputati radicali della Lista Bonino, e di Ottavio Marzocchi, membro della Direzione politica straordinaria del Partito Radicale Transnazionale, sono stati depositati ieri nella commissione libertà e diritti dei cittadini del PE due emendamenti sul caso dei 52 cittadini egiziani arrestati a causa del loro orientamento sessuale al rapporto Hernandez Mollar sull’accordo di associazione tra Egitto ed Unione europea. La proposta dei deputati radicali é stata sottoscritta anche da Alima Boumediène Thiery (FR) e Kathalijne Buitenweg (NL) dei Verdi, Giuseppe Di Lello (IT) del gruppo comunista, Michael Cashman (UK), Joke Swiebel (NL), Gianni Vattimo e Ornella Paciotti (IT) del gruppo socialista. Hanno annunciato inoltre il loro voto favorevole anche Pernille Frahm (DK) del gruppo comunista e la baronessa Sarah Ludford del gruppo liberale.

I deputati chiedono che Consiglio e Commissione esprimano la seria preoccupazione dell’UE alle istituzioni egiziane, vigilino sulla sorte delle 52 persone e prendano misure progressive e proporzionali per fare si’ che il rispetto dei loro diritti umani fondamentali sia restaurato. L’accordo tra Egitto e Unione europea, che attende il parere conforme del PE per essere ratificato, prevede che le parti contraenti rispettino i principi fondamentali affermati nella dichiarazione universale dei diritti umani, e che nel caso in cui tali principi non siano rispettati, una delle due parti possa prendere misure appropriate fino alla sospensione dell’accordo. Il voto sugli emendamenti avrà luogo a Strasburgo, lunedi’ 22 ottobre.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...