Rapinavano gay adescati in chat, arrestati 2 giovani

Contattavano ragazzi gay in chat e facevano finta di mostrarsi interessati. Ma una volta a casa delle vittime le rapinavano. Arrestati due giovani di Corigliano Calabro, nel cosentino.

Adescavano gay in chat e poi, dopo avere fissato con loro degli appuntamenti, li rapinavano. Gli autori, due giovani di Corigliano Calabro, nel cosentino, già noti alle forze dell’ordine, sono stati individuati ed arrestati dai carabinieri. I due, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, si collegavano a siti gay. Qui, tramite chat, avvenivano i primi contatti.

Una volta ottenuta la fiducia della vittima, i due fissavano l’appuntamento che finiva con la rapina. I carabinieri hanno accertato un caso sicuro di rapina, ma stanno indagando anche su altri episodi. E stanno anche cercando di verificare se vi siano state vittime che non hanno denunciato le rapine subite, magari per vergogna o per non rivelare la loro omosessualità. Gli investigatori stanno anche vagliando la posizione di una terza persona per accertare se abbia partecipato alle rapine compiute dai due giovani.