Rapporto Usa sui diritti umani: “L’Italia discrimina i gay”

Nel documento pubblicato dal Dipartimento di Stato, gli Usa accusano il nostro paese di avere tempi troppo lunghi per la giustizia, di dscriminare rom e gay e di non fermare la violenza sulle donne.

Nel rapporto sulle violazioni dei diritti umani nel mondo che il Dipartimento di Stato Usa presenta ogni anno c’è spazio anche per l’Italia. I Paesi che meno di tutti hanno rispettato i diritti nell’ultimo anno sono Cina, per via delle continue censure di internet, nel tentativo di reprimere la libertà di informazione e per le persecuzioni nei confronti di tibetani e musulmani, e Iran dove la situazione è peggiorata dopo le ultime elezioni presidenziali e le proteste che ne sono seguite.

Non mancano riferimenti anche all’Afghanistan, alla Russia, alla Birmania, al Congo, al Sudan, a Cuba, alla Corea del Nord e a Israle per l’operazione Piombo Fuso. Per quanto riguarda l’Europa, gli Stati Uniti esprimono preoccupazione per alcuni provvedimenti discriminatori presi nei confronti della comunità musulmana, come è accaduto in Svizzera dove un recente testo vieta la costruzione di minarti.

Ma tra i paesi europei, ad uscire con l’immagine decisamente offiscata dal rapporto a stelle e strisce è proprio l’Italia, criticata per le discriminazioni contro i gay e i rom. Il nostro Paese viene bacchettato per la scarsa tutela delle minoranze rom e gay. "Il governo italiano rispetta in generale i diritti umani dei suoi cittadini – si legge nel rapporto – anche se vi sono problemi con la lunghezza della custodia cautelare e dei processi, la violenza contro le donne, il traffico di persone, gli abusi nei confronti di omosessuali, zingari e altre minoranze".

Ti suggeriamo anche  Violenza al Pride di Buenos Aires: uomo picchiato con una mazza da hockey