RATZINGER 1 PARLANO LE MAMME

di

Lettera aperta di una mamma dell'Agedo: "Prima di preoccuparvi dei costumi sessuali di chi non ha fatto voto di castità perché non cominciate a disciplinare le convivenze delle...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
699 0

LETTERA APERTA AL CARD. RATZINGER
Eminenza,
ho letto con attenzione il suo documento e la ringrazio per il coraggio della chiarezza. Mi permetto di fare qualche chiosa, per verificare di aver capito bene ciò che forse era un po’ tra le righe.
1) “La dignità del matrimonio, fondamento della famiglia.” Di tutti i matrimoni, anche di quelli in cui uno dei due è omosessuale ma finge di non esserlo, e la sera esce a fare la “checca” con prostituti e travestiti. Basta che non lo scoprano.
2)” Nel disegno di Dio il matrimonio è santo, mentre le relazioni omosessuali contrastano con la legge morale naturale. Gli atti omosessuali precludono all’ atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun modo possono essere approvati”
Ma allora, tutte quelle giovani coppie omosessuali che conosco che sembrano veramente unite, stabili, fedeli, se non fanno parte del disegno di Dio di che fanno parte? Del disegno del diavolo? Non posso crederci, come non posso credere che faccio male o addirittura peccato a condividere le loro gioie e ad apprezzare la loro capacità di amare e donare, come insegna la Chiesa. E poi, con gli omosessuali cattolici come la mettiamo? E con i sacerdoti e le suore, che -mamma mia!- sono proprio tanti?
3) “Affermare chiaramente il carattere immorale di questo tipo di unione; richiamare lo Stato alla necessità di contenere il fenomeno entro limiti che non mettano in pericolo il tessuto della moralità pubblica e, soprattutto, che non espongano le giovani generazioni ad una concezione erronea della sessualità e del matrimonio, che li priverebbe delle necessarie difese e contribuirebbe, inoltre, al dilagare del fenomeno stesso” Lo Stato deve preservare che cosa? Il tessuto della moralità pubblica? Perché, si accoppiano in pubblico questi? Credevo che lo facessero solo gli eterosessuali, direttamente o tramite fictions che entrano nelle case a tutte le ore, a portare ai giovani una concezione sanissima della sessualità e del matrimonio, dalla quale non c’ è bisogno di difenderli, anzi! Il fenomeno dell’ amore omosessuale puo’ dilagare? Allora è contagioso? Bel guaio, grazie per avermi messa in guardia.
4) “Come dimostra l’esperienza, l’assenza della bipolarità sessuale crea ostacoli allo sviluppo normale dei bambini eventualmente inseriti all’ interno di queste unioni” Ma lei come lo sa? E’ andato a verificarlo in America o si basa sull’ esperienza dell’ infanzia negli istituti religiosi in Italia, dove in effetti manca del tutto questa bipolarità ed una sola persona deve badare a non so quanti? E poi questa persona, sacerdote o suora, chi ci assicura che abbia le pulsioni giuste?
5) “Mettendo l’ unione omosessuale su un piano giuridico analogo a quello della famiglia, lo Stato agisce arbitrariamente (cioè non vi obbedisce) ed entra in contraddizione con i propri doveri”.Quali? Quelli di difendere la morale cattolica, visto che voi ci riuscite così male?
Prima di preoccuparvi dei costumi sessuali di chi non ha fatto voto di castità perché non cominciate a disciplinare le convivenze delle vostre pecorelle? O va tutto bene nei conventi, fra vescovi e seminaristi, madri superiore e novizie? Tutto a posto, nessuna molestia (omo)sessuale da quelle parti? Sono tutte chiacchiere quelle che girano? Eppure le ho lette con i miei occhi piu’ di una volta su certe riviste che non le raccomando, inserzioni di sacerdoti o frati che si dichiarano tali e cercano compagnia e affetto di altri uomini, non necessariamente sesso. Non so se è peccato, ma mi fanno tenerezza.
6) Lei esorta i politici cattolici a boicottare e vanificare leggi contrarie alla “retta ragione”, se non possono fare altro. Giustissimo, spero che anche nelle scuole cattoliche si impartiscano di questi insegnamenti molto utili nella vita, assoggettarsi lealmente alla volontà della maggioranza è una di quelle stupidate che chiamano democrazia.
Ma questa sua intromissione sui presunti doveri dello stato italiano mi suscita la seguente preoccupazione: che certi cittadini scalmanati non pretendano di fare la stessa cosa con la Chiesa, che so, pretendere la verità sul famoso delitto delle guardie svizzere, su cui si chiacchiera sia di spionaggio che di omosessualità (che prospera all’ ombra del cupolone, si dice). Oppure, questi gay screanzati sa che potrebbero fare? Al prossimo conclave manifestare sotto la cappella Sistina e tifare per un papa gay, ma ci pensa? Il guaio è che avrebbero anche una bella lista di papabili, e lei lo sa, vero? Con l’ augurio che le sue tante pecorelle gay non si ribellino e non seguano l’ esempio dei laici la saluto e la ringrazio di nuovo per avermi suscitato tante riflessioni.
Claudia Toscano
presidente A.GE.D.O. di Pescara
Associazione genitori di omosessuali

di AGEDO

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...