Reggio Calabria, Klaus Davi minacciato da cognato del boss: “Qui non devi mettere piede, sei pure ricchione”

Sequestrate le immagini del locale: sono in corso gli accertamenti.

Qui non devi più mettere piede. Te lo abbiamo fatto capire in tutti i modi. Stai lontano da Archi, sei pure ricchione”: la vittima è Klaus Davi, il carnefice è il cognato di un boss della malavita calabrese.

L’episodio, secondo quanto si è appreso, è accaduto davanti a numerosi clienti di un bar della periferia di Reggio Calabria: Klaus Davi, giornalista e massmediologo impegnato negli ultimi tempi in reportage sui personaggi che gravitano nelle cosche più agguerrite della ‘ndrangheta, è stato minacciato e apostrofato in malo modo dal cognato di uno dei boss – Paolo Rosario De Stefano – della malavita calabrese, proprietario del bar in questione.

Tre agenti della polizia, chiamata dallo stesso Davi dopo insulti e minacce provenienti da una terza persona, hanno assistito personalmente a parte della scena: i vertici della Questura reggina hanno confermato che sono in corso degli accertamenti. Sembra siano stati sentiti il titolare e il presunto terzo aggressore, altri verranno ascoltati a breve. Sono state sequestrate le immagini del locale e nei prossimi giorni si saprà se la Procura di Reggio Calabria, che per il momento non intende rilasciare comunicazioni ufficiali, aprirà un’indagine vera e propria. Alla vittima, comunque, è stata rinnovata la vigilanza, già disposta per i suoi spostamenti in Calabria.

Cultura

Cos’è lo Shudō, l’amore omosex dei Samurai

In Giappone, lo shudō ha un'origine antichissima.

di Alessandro Bovo