Renzi alla segreteria PD: “Niente rinvii delle unioni civili”

di

Il testo potrebbe arrivare in aula già il 6 agosto, dopo la votazione degli emendamenti.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4329 0

Niente rinvii né slittamenti della legge sulle unioni civili. A garantirlo è stato lo stesso Renzi davanti a tutta la segreteria riunita ieri a cui ha ribadito la volontà di fare presto, secondo quanto ha dichiarato Micaela Campana, responsabile dei diritti per il Pd, a Delia Vaccarello sull’Unità.

“Adesso il testo di legge Cirinnà dovrebbe uscire dalla commissione – ha spiegato Campana – e andare in aula per la discussione prima della pausa estiva”.

La nuova data ipotizzata per l’inizio della discussione in Senato è il sei agosto, comunque si parla dell’inizio del prossimo mese, prima che l’aula chiuda per le ferie estive. Intanto, scrive ancora l’Unità, la Commissione Bilancio ha chiesto la relazione tecnica al governo. “Da oggi – aggiunge il senatore Sergio Lo Giudice – il governo può mandare la propria relazione e la Commissione Bilancio potrà quindi dare i suoi pareri”. Poi la commissione Giustizia potrà votare e mandare il testo in aula.

Secondo Campana, il voto potrebbe iniziare in Commissione da subito (ci sono circa 1400 emendamenti su cui esprimersi) e quindi il DDL potrebbe arrivare in Senato nei giorni successivi.

Sugli emendamenti, Campana è sicura: “Non accettiamo mediazioni ideologiche al ribasso. Utilizziamo lo spazio di voto degli emendamenti per migliorare la legge”. “Per il mio ruolo di relatrice – aggiunge Monica Cirinnà – sono e continuerò ad essere dialogante, ma ferma rispetto ai principi cardine della legge”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...