Renzi e le unioni civili, Alicata: “Lo stiamo istruendo su nozze gay”

Prosegue il dibattito interno al PD dopo le parole di Matteo Renzi che ha parlato di unioni civili anziché di matrimonio gay. Alicata promette: “Su matrimoni e adozioni gay lo stiamo istruendo”.

Dopo Arcigay, e Sergio Lo Giudice , Crisitana Alicata, neoeletta “renziana” nella direzione del PD risponde alle critiche per le parole del segretario che ha parlato di Unioni civili anziché di matrimonio gay . “Da tempo ho cercato di accompagnare il nostro nuovo segretario, insieme a tanti altri, a conoscere dei temi (diritti civili, diritti degli omosessuali ndr) da cui lui era lontano anche per appartenenza politica precedente ed esperienza personale”, ha detto questa mattina negli studi di Radio Città Futura.

“Ho vissuto con molto piacere il vedere un uomo della mia età – ha proseguito la Alicata – che davanti all’incontro di coppie gay con figli ha detto sì, non è possibile non pensare a loro”. “Lui dice di essere timido perché per noi sono i matrimoni e le adozioni l’asintoto a cui tendiamo, anche per entrare in Europa – ha spiegato la Alicata e ha assicurato – lo stiamo istruendo su questi temi, è un bravo studente”. Secondo la Alicata è stato importante il fatto “di aver messo il civil partnership alla tedesca tra i tre punti che costituiscono il nostro partito insieme a scuola e lavoro, perché – ha concluso – ha definito tre punti che sono il dna di questo Pd e che oltretutto sono stati votati in tutte e tre le mozioni congressuali”.

Ti suggeriamo anche  Sul palco di Adinolfi in perizoma, Francesco Nozzolino indagato per violenza privata

Insieme a Ivan Scalfarotto, Cristiana Alicata è stata tra coloro che hanno sostenuto il Sindaco di Firenze anche alle precedenti primarie e che lo hanno consigliato sulla parte di programma dedicata ai diritti civili lgbt. Le posizioni assunte allora (il Sindaco era fvorevole alle civil partnership sul modello inglese), furono già giudicate insufficienti da Arcigay che, come ha detto ieri il presidente nazionale Flavio Romani, non ha cambiato la sua opinione: parlare di unioni civili anziché di matrimonio egualitario è “inaccettabile e fuori dal tempo”.