Roma, cartello omofobo: “affitto casa ma non a gay, animali e immigrati”

Arriva dalla Capitale l’ultimo indecente caso di ‘omofobia immobiliare’.

Un altro, ennesimo caso di ‘omofobia immobiliare’, se così si può definire, arriva quest’oggi da Roma. Sul web è diventato virale un cartello che recita, testualmente, “affittasi stanza immobiliata a 300 euro al mese. Tutto compreso, anche internet. NO immigrati (anche se regolari), NO gay, NO animali. Contratto regolare un anno“.

Siamo nel quartiere di Cinquina in via Tesauro, alla Bufalotta, e il cartello d’affitto è firmato tale signor Marcello. Come riportato da FanPage, l’appartamento in questione farebbe parte del patrimonio residenziale pubblico del Comune di Roma, in quanto edificato all’interno dei Piani di Zona del Comune. Si parla quindi di terreni espropriate da Roma Capitale, avvantaggiati da numerosi sgravi fiscali. L’illegalità è quindi doppia. Perché se è già di suo vietato dalla legge fare distinzioni in relazione a sesso, etnia, orientamento sessuale e religione, spicca anche e con evidenza il fatto che l’appartamento del signor Marcello avrebbe usufruito di numerosi benefici.

La speranza è che il comune di Roma, per volontà della sindaca Virginia Raggi, possa e voglia rapidamente intervenire, per ribadire ancora una volta come tutto ciò non sia solo umanamente deprecabile, ma anche sfacciatamente criminale.

Ti suggeriamo anche  Milano: Tribunale annulla le sanzioni disciplinari per le docenti che avevano chiesto un dibattito sull’omofobia
Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni