Roma, giovane gay aggredito sull’auobus a Trastevere

La violenza si è consumata nella notte tra sabato e domenica scorsa. Ad aggredire Mattia C., 22 anni, sono stati quattro coetanei: “Sei gay, fai schifo”. Nessuno è intervenuto.

Un giovane volontario di Arcigay, Mattia C di 22 anni, è stato aggredito nella notte tra sabato 24 e domenica 25 a bordo dell’autobus 8N in servizio a Trastevere, quartiere del centro storico romano.

Insulti e schiaffi, questo il trattamento riservato dai quattro aggressori al Mattia che, dopo aver provato a replicare, colpito ripetutamente e preso per il collo, è sceso dalla vettura.

"La cosa che mi ha colpito maggiormente – afferma Mattia C. – e’ l’indifferenza degli altri passeggeri: nessuno di loro, pur assistendo alla scena, ha detto qualcosa o e’ intervenuto per fermarli. Io ero seduto e leggevo un libro, poi queste persone, dopo aver preso di mira un uomo di colore hanno iniziato a dirmi che facevo schifo perché gay".

"E’ l’ennesimo episodio di omofobia che si verifica nella nostra città – ha dichiarato Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma -: siamo molto preoccupati perché assistiamo al moltiplicarsi di questi comportamenti violenti e intimidatori che offendono non soltanto la persona aggredita e la comunità lesbica e gay, ma la libertà di tutti i cittadini".

"La nostra città non può permettersi di restare indifferente verso comportamenti di questo tipo – aggiunge Marrazzo – Purtroppo in Italia non esistono leggi che prevedano un’aggravante nel caso di aggressioni motivate da odio nei confronti di lesbiche, gay e trans. E’ necessario che il legislatore affronti la questione per mettere fine a questa diffusa percezione di impunità, così come è importante che le Istituzioni siano al fianco della nostra comunità aumentando l’impegno contro ogni forma di discriminazione con iniziative nelle scuole e nella pubblica amministrazione o con campagne di comunicazione e sensibilizzazione. Alla Regione Lazio, per questo, chiediamo di riprendere al più presto le campagne antiomofobia di gay help line 800.713.713 e al Comune di Roma di aumentare la diffusione della prossima campagna. La maggior parte delle vittime, infatti – conclude Marrazzo – non denuncia gli episodi per paura delle conseguenza in famiglia o nel lavoro, il nostro servizio cerca di dare quel supporto legale e psicologico che dia loro la forza di denunciare".

"Apprendiamo con sgomento dell’ennesima aggressione omofoba ai danni di un giovane ragazzo gay a Roma. La nostra città registra continuamente atti violenti ed aggressivi nei confronti delle persone omosessuali e transessuali – commenta Rossana Praitano, Presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli – . Esprimiamo la nostra piena solidarietà al ragazzo vittima dell’aggressione, perpretata ai suoi danni dal solito branco ed alla quale nessuno dei presenti sull’autobus ha reagito. Ed è proprio questo che ci sconforta maggioremente, cioè di come questi atti nei confronti della nostra comunità passino quasi inosservati e sotto silenzio. Ci aspettiamo una precisa presa di posizione dalle Istituzioni, che in una vera democrazia dovrebbero ergersi a difensori di ogni cittadino".

Ti suggeriamo anche  Metro rainbow: anche Roma vuole la sua fermata arcobaleno

E in mancanza di una norma che persegua gli atti di violenza dettati dall’odio nei confronti delle persone lgbt, arrivano condanne politiche e solidarietà che non bastano, però, a colmare il vuoto legislativo.

Unanime la condanna, appunto da parte dell’amministrazione capitolina. Il delegato del sindaco per le Politiche della sicurezza Giorgio Ciardi, esprimendo solidarietà a Mattia, parla di "gesto vigliacco che prende spunto da una discriminazione assurda" da condannare fermamente, intollarabile e non rappresentativo di Roma che è "da sempre aperta e accogliente". "Al contrario, l’amministrazione Alemanno ha puntato molto sulla tolleranza, proponendo iniziative mai intraprese in passato contro l’omofobia e la violenza, e ampiamente riconosciute anche dalle organizzazioni gay della Capitale – aggiunge Ciardi -. Auspico che le forze dell’ordine possano individuare quanto prima i responsabili di questa aggressione e possano essere prese le misure del caso". Gli fa eco l’assessore alle Politiche Sociali Sveva Belvisio che ritiene "doverosa un’unanime condanna", auspicando che "gli aggressori di questo vile e deprecabile gesto, siano puniti".  "Quanto accaduto la notte tra sabato e domenica a Trastevere è un atto vile e da condannare con la massima fermezza – ha dichiarato il sindaco Alemanno -. A nome mio e di tutta l’amministrazione voglio esprimere la mia vicinanza al ragazzo aggredito. Mi auguro che gli autori dell’aggressione vengano individuati al più presto e puniti come meritano".

"Piena solidarietà" esprime il delegato del sindaco per il Centro Storico, Dino Gasperini che definisce l’aggressine di Trastevere "un gesto deplorevole da condannare con fermezza e sul quale auspico che le forze dell’ordine facciano piena chiarezza, assicurando presto alla giustizia i quattro responsabili".

Ti suggeriamo anche  3 suggestivi hotel gay-friendly per la tua vacanza di primavera

Esprime "forte preoccupazione per questo ennesimo episodio che si caratterizza anche per una cattiveria, una violenza e da una vigliaccheria fuori dal comune" Enzo Foschi, consigliere del PD alla Regione Lazio. "E’ vergognoso quanto accaduto e spero che nessuno si permetta di minimizzare i fatti. E’ opportuno che le forze dell’ordine individuino i responsabili di questa aggressione e che le istituzioni si rendano garanti, nel quotidiano, dei diritti della comunità gay  offrendo spazi concreti di supporto e di sensibilizzazione – continua Foschi -. Un primo segnale sarebbe, come già ha affermato l’Arcigay, quello di riattivare le campagne antiomofobia di Gay Help Line. La neoeletta presidente Polverini, per la regione Lazio, e Gianni Alemanno, sindaco del comune di Roma, battano un colpo".

"Preoccupa soprattutto la giovane etè degli aggressori che hanno colpito un loro coetaneo soltanto perchè gay – commenta Massimiliano Valeriani, consigliere del Pd al Comune di Roma -. Come amministratori dobbiamo impegnarci per scongiurare che comportamenti di questo tipo finiscano col diventare normali o per venire tollerati nell’indifferenza generale. Per questo è necessario rafforzare le campagne di comunicazione e sensibilizzazione contro l’omofobia".

"Il clima politico in città è cambiato – afferma Gianluca Peciola, consigliere provinciale di Sinistra ecologia e libertà e coordinatore del Gruppo federato della sinistra in Provincia – e la comunità gay è stata negli ultimi tempi sempre più vittima di atti di intimidazione e di violenza. Tutta la città deve sentirsi colpita da queste aggressioni nei confronti di gay e lesbiche. E’ necessario che le istituzioni facciano per prime la loro parte e si impegnino contro ogni forma di discriminazione e per il rispetto dei diritti della comunità gay anche con interventi di sensibilizzazione rivolti alla scuole superiori. Alla giovane vittima va tutta la mia solidarietà".

Ti suggeriamo anche  Conor McGregor chiede scusa per le frasi omofobe: "Ho sbagliato, ho tanti amici gay"