Roma, approvata mozione contro l’omotransfobia

SinistraXRoma, PD e 5 Stelle hanno votato una mozione contro l’omotransfobia. ‘Ora azioni concrete’, chiedono le associazioni LGBT.

Nella giornata di ieri l’Assemblea capitolina ha unanimamente condannato l’omolesbobitransfobia, con l’Aula Giulio Cesare che ha approvato la mozione a prima firma del consigliere di Sinistra X Roma Stefano Fassina, sottoscritta da tutti i gruppi dell’Aula.

Una mozione che impegna la sindaca Virginia Raggi e la Giunta a condannare gli episodi omolesbobitransfobici che si verificano con ormai sempre più frequenza nella città di Roma, ma anche a organizzare un tavolo permanente lgbt+ con le associazioni, a promuovere una cultura delle differenze attraverso azioni nelle scuole che prendano in considerazione le differenti realtà familiari presenti nel nostro paese quali le famiglie arcobaleno, ad aderire alla rete Ready.

Famiglie Arcobaleno e il CCO Mario Mieli, oggi presenti in aula, hanno espresso soddisfazione per la mozione presentata e per il voto favorevole espresso da tutte le politiche presenti in Assemblea Capitolina, SinistraXRoma, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.

“Si tratta di un indirizzo politico importante a cui devono però seguire atti concreti da parte della Sindaca” hanno dichiarato Sebastiano Secci presidente del CCO Mario Mieli e Marilena Grassadonia presidente di Famiglie Arcobaleno, “dopo la manifestazione di Verona è evidente come la società si riconosca sempre più in un paese civile e laico. L’autodeterminazione delle donne, la tutela delle minoranze, i diritti della comunità lgbt+ ed il riconoscimento alla nascita per i figli e le figlie delle Famiglie Arcobaleno, sono punti cardine su cui non si fanno sconti o trattative”.

Ti suggeriamo anche  Omofobia a Roma, l'audio originale della chat di classe: "Vai a succhiare"