Roma: muri imbrattati contro i “gay subumani”

di

Scritta omofoba con corredo di svastica sui muri del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli. “Rigurgito fascista”, è il commento dell’associazione.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1033 0

ROMA – Le scritte sui muri sono sempre un segno d’inciviltà e sono ancora peggio quando risultano degradanti e offensive. Questa mattina sul muro del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli è stata trovata la scritta “gay subumani”, chiara espressione offensiva d’intolleranza e ignoranza. Il circolo Mario Mieli ha emesso un comunicato nel quale si commenta il fatto, collegandolo anche ad altri accadimenti successi di recente nella capitale: “Qualche giorno fa due ragazzi gay, a cui il Circolo Mario Mieli esprime la propria solidarietà, sono stati licenziati dal loro posto di lavoro a causa del loro orientamento sessuale. Gli episodi sono sì separati, ma purtroppo espressione di un sentire sempre più esteso e di una nuova fascinazione verso tematiche estreme. Alla luce di questi episodi, ritenendo sempre più inutile e sterile il dibattito che si è creato intorno a un’ isola pedonale di 100 metri che qualcuno vorrebbe ribattezzare Gay Street, crediamo che sia sempre più opportuno da parte delle Istituzioni, in collaborazione con le Associazioni GLBT presenti sul territorio, un intervento stratificato nella città, mirato al superamento dell’omofobia e che si inizi davvero a riflettere sul perché questi episodi siano sempre meno isolati. Chiediamo che il Comune di Roma rimuova immediatamente la scritta e la svastica e che le forze dell’ordine si impegnino a trovare i responsabili di un simile rigurgito fascista.”
Il Circolo Mario Mieli, nato nel 1983, è un’associazione indipendente basata sul volontariato: si occupa della rivendicazione e della tutela dei diritti civili delle persone glbtq (gay, lesbiche, bisessuali, transgender, queer) e della persona in genere, promuove attività culturali, di socializzazione e dal 1989 offre un servizio di assistenza domiciliare per persone in Aids, formato da uno staff di operatori, psicologi e assistenti sociali, e servizi di consulenza psicologica, assistenza legale, counseling telefonico, gruppi di auto-aiuto per persone sieropositive, gestendo anche una casa famiglia per senza fissa dimora.
Il sito internet è: http://www.mariomieli.org/
(RT)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...