Roma, la procura contro le famiglie arcobaleno: ‘i figli devono avere mamma e papà’

Un ricorso contro le trascrizioni dei bimbi nati all’estero tramite surrogazione è arrivato direttamente dalla procura di Roma.

L’ultimo attacco frontale alle famiglie arcobaleno arriva dalla procura di Roma, che ha presentato ricorso al tribunale civile contro il Campidoglio, reo di aver registrato l’atto di nascita di una bimba nata in Canada. Con due papà.

La maternità surrogata in Italia è un reato penale, sanzionato con la reclusione da tre mesi a due anni, e per questo motivo, si legge nel provvedimento firmato dal procuratore capo Giuseppe Pignatone e riportato da LaRepubblica, “non è sostenibile che una condotta illecita per il nostro ordinamento possa produrre nel nostro ordinamento giuridico conseguenze vietate soltanto in quanto compiuta all’estero”. Peccato che la stragrande maggioranza delle GPA avvenga all’interno di coppie eterosessuali, ma questo, ovviamente, viene puntualmente dimenticato.

Ma non è finita qui. Per la procura le norme del nostro sistema in materia di filiazione trovano fondamento nella ‘bigenorialità’ fondata sulla diversità di genere. Una filiazione essenzialmente di tre tipi: adottiva, biologica o tramite procreazione medicalmente assistita, ma sempre tra persone di sesso diverso. Un ragionamento di puro diritto che ‘non può dirsi incostituzionale‘, e che il giudice a loro dire dovrebbe accettare.

Non si vede come il bambino che abbia un legame biologico con un uomo (il padre) possa vedersi attribuita, surrettiziamente, la qualità di figlio di ‘un altro padre’ per la sola ragione che il padre biologico ha un rapporto di unione civile con un altro uomo, perdendo invece ogni rapporto con la madre biologica che l’ha partorito. Che cosa accadrebbe se nel corso del tempo il secondo padre cessasse di essere unito al primo? Potrebbe il secondo padre chiedere il disconoscimento del bambino che solo ‘artificiosamente’ è stato iscritto nei registri dello stato civile come suo figlio e che porta il suo nome? Ma vi è di più: ci si potrebbe chiedere se il bambino conserva il diritto di portare il secondo cognome e il rapporto di filiazione, con tutte le conseguenze che ne derivano sul piano giuridico.

“E’ di tutta evidenza come già solo dette considerazioni siano sintomatiche dell’irragionevolezza dell’affermazione che la trascrizione ‘risponda ad un interesse superiore del bambino’ e che possa promuovere il suo benessere psicofisico”, continuano i pm capitolini. “Di certo poi, tale interesse del bambino non può automaticamente farsi scendere del mero decorso del tempo in cui il bambino rimane insieme ai due ‘genitori‘. Questo ufficio ritiene che sia evidente la illogicità e irrazionalità di dette situazioni (tutt’altro che teoriche) e la gravità delle conseguenze che esse determinerebbero per gli stessi bambini coinvolti“.

6 commenti su “Roma, la procura contro le famiglie arcobaleno: ‘i figli devono avere mamma e papà’

  1. Il Tribunale di Roma è sempre stato definito ” Il porto delle nebbie ” per il suo asservimento , pardon , compiacenza al Potere Politico.
    Mi fa specie la firma di Pignatone , Magistrato stimato e stimabile.

  2. Il contenuto dell’atto emesso dal Procuratore è quanto di più chiaro, assenato, ineccepibile e ispirato a una logica assolutamente irrefragabile.
    Nessuno ovviamente è in grado di contestarlo nel merito.
    Nessun essere vivente, a meno che non sia nato due volte, può dire di avere due padri…!
    Il bambino ha bisogno di attaccarsi alle tette della mamma, non ai coglioni di due froci !
    C’è un giudice a Berlino !

    1. Certo, c’è un giudice a Berlino, e GUARDA CASO ha sentenziato che voi bigottardi avete torto e che i froci hanno ragione. Corte Costituzionale tedesca, anno 2013. Memoria corta, vero?
      L’unico atto chiarissimo, invece, è che Cristiano Ronaldo – che ha commesso lo stesso “reato” di queste coppie gay – è arrivato in Italia con i suoi gemelli “comprati” senza che nè voi nè le procure battessero ciglio. Perderete anche questa guerra, come l’avete persa a suo tempo contro le donne, che volevate “come dottrina comanda” confinate in cucina e in camera da letto.

  3. Mi fa tornare in mente una puntata delle Invasioni Barbariche in cui, durante un confronto sul tema con lo scrittore Sebastiano Mauri, un prete definì i figli delle famiglie arcobaleno dei “poverini”. Bisogna dire che purtroppo sono gli ultimi di una lunga lista di bambini che nel corso dei decenni per una ragione o per l’altra, non rientrando nei canoni dell’idea stereotipata di famiglia, si sono visti apporre dallo Stato il marchio non scritto di BASTARDI.

    1. I preti senza moglie e senza figli non hanno ancora spiegato se i figli di coppie il cui matrimonio è stato dichiarato “nullo” dalla loro “santa” Rota sono illegittimi – quindi BASTARDI – oppure qual’è il loro status, visto che il matrimonio “non è mai esistito”. I figli del devotissimo ex-Presidente della Repubblica Francesco Cossiga (ora sigillato nel proprio putridume) rientrerebbero perfettamente in questa definizione. Ma guai a dirglielo….

Lascia un commento

LEGGI ANCHE

Storie

Metro rainbow: anche Roma vuole la sua fermata arcobaleno

Il luogo sarebbe già stato scelto: la fermata Colosseo della metro B.

di Alessandro Bovo | 13 Febbraio 2019

Storie

Gay Street di Roma, gigolò aggredisce messicano e scappa

Per ora, le accuse per il gigolò sono lesioni gravissime e omissione di soccorso. Sconosciute le cause della colluttazione.

di Alessandro Bovo | 9 Gennaio 2019

Viaggi

Un week-end romano: i migliori hotel gay-friendly della Capitale

Perché non passare tre giorni in una delle più belle città del mondo?

di Alessandro Bovo | 24 Novembre 2018