Rovasio: Si aprono strade inimmaginabili

di

Il segretario di Certi Diritti commenta la sentenza della Cosrte Costituzionale sui matrimoni gay. "Non mancano gli spunti per proseguire la battaglia", dice a Gay.it.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1778 0

Dopo la pubblicazione delle motivazioni alla sentenza della Corte Costituzionale, il segretario di Certi Diritti Sergio Rovasio si dice ottimista: «Faremo subito una riunione coi legali per capire come andare avanti», ha detto Rovasio a Gay.it. «Eravamo a un millimetro dalla vittoria e lo confermano i pareri dei costituzionalisti che hanno seguito le coppie. La Corte ha stabilito che le unioni gay devono essere regolamentate dal Parlamento, e se non lo facesse toccherebbe alla stessa Corte provvedere».

«Con questo si aprono molte strade da poter percorrere per proseguire nella battaglia e adesso le valuteremo insieme ai professori. Certo, non mancano nelle motivazioni alcuni punti che non sono certo a nostro favore, come la parte in cui si dice che i padri costituenti non avrebbero voluto inserire i matrimoni gay nella Carta. Al tempo stesso, però, affermano che il concetto di famiglia non è cristallizzato una volta per tutte. Insomma, gli spunti non mancano»

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...