Russia omofoba, anche anziani nel mirino. Centinaia di video online

di

Non solo coetanei. Nei video degli omofobi russi spuntano anche le violenze agli anziani. L'orrore non ha fine nel paese di Putin. E la polizia arresta le vittime.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8948 0

Li costringono ad ammettere di essere pedofili. Vogliono sentire che sono pentiti e che d’ora in avanti non andranno più a letto con altri maschi. Basta guardare una delle pagine del gruppo Occupy Pedofilyay per rendersi conto dell’odio senza limiti che i giovani neonazisti professano sul social network russo VK.com. Quello che è emerso nei giorni scorsi e che ha provocato lo sdegno internazionale è però solo la punta dell’iceberg. Il materiale, che è visionabile da chiunque, senza nemmeno bisogno di registrazione, è immenso.

C’è un Occupy Pedofilyay per ogni città della Russia e tutte le pagine del network contengono foto e video delle gesta “eroiche” degli aderenti, oltre che il simbolo che li rappresenta, un pollice, simile a quello del “mi piace” su Facebook ma uncinato. È possibile vedere un ragazzo preso a schiaffi e pugni in mezzo alla strada senza che nessuno intervenga. C’è il video di un anziano fermato a cui hanno fatto giurare di non andare più a letto con i ragazzi con tanto di sondaggio: “Secondo voi è realmente pentito o è solo un bravo attore?”. C’è il video di un arresto,

sì, ma di una delle vittime: gli aggressori dopo aver picchiato un loro coetaneo lo bloccano su una panchina, gli rubano il cellulare e chiamano la polizia che arriva e lo porta via nella loro macchina.

E poi ci sono le armi. Su una pagina si vede Misha Krasnov (attenzione, il link contiene immagini e video di violenze), uno dei leader, mentre si allena con una mazza ferrata e chiodata. Un servizio del telegiornale che si è occupato di Occupy fa vedere i neonazisti in un soggiorno, che loro chiamano “l’ufficio delle torture”, , circondati da simboli gotici – tra cui una civetta viva – armi medioevali e le loro immancabili teste rasate. Tutto è pubblico, disponibile per la consultazione e per i commenti, la maggior parte di stima.

di Daniele Nardini

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...