Russia, 16enne multato per ‘propaganda gay’: è il primo minore

Oltre 600 euro di multa per aver pubblicato alcune immagini ritenute ‘gay’.

5 anni dopo la sua introduzione, la legge russa contro la propaganda gay ha colpito il primo minore.

Maxim Neverov, 16 anni appena, è stato infatti riconosciuto colpevole di “propaganda dell’omosessualità tra i minori”. L’adolescente di Biysk è stato multato di 50.000 rubli (circa 660 euro) per aver pubblicato foto sul social network Vkontakte.

Il sito di Russian LGBT Network riferisce che il rapporto ufficiale – archiviato il 24 luglio – sottolinea come Neverov avrebbe pubblicato ‘alcune foto di giovani il cui aspetto (parzialmente nudo), secondo parere esperto, aveva le caratteristiche della propaganda gay’.

All’adolescente, incredibile ma vero, non è stato neanche permesso di consultare un avvocato. Questo rifiuto, ovviamente, l’ha portato a non testimoniare. La Commissione sui diritti dei minori e la protezione dei minori ha esaminato il caso, con la rete LGBT russa che ha ora fornito un avvocato al povero Maxim.

Storie

Iginio Massari, cremini arcobaleno per tutti gli amori

Nuova creazione da parte del celebre pasticcere, che ha così voluto celebrare l'amore LGBT.

di Federico Boni