Rutelli: unioni civili non nel mio programma

di

Il candidato sindaco al comune di Roma, Francesco Rutelli, ha chiarito che le unioni civili non fanno parte del suo programma di governo della Capitale.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1972 0

Le unioni civili non compariranno nel programma di governo di Francesco Rutelli. Il candidato al Campidoglio del Pd lo ha spiegato venerdì sera, dopo una giornata fitta di appuntamenti tra i quali quello con Arcigay di Roma: «Abbiamo affrontato con l’Arcigay moltissimi temi positivi che prevedono una stretta collaborazione e che avranno un ottimo sviluppo nell’attivita’ di governo. Tuttavia, certamente, le unioni civili non saranno contemplate nel programma di governo: le stesse forze della Sinistra arcobaleno sanno bene che bisogna proporle su basi nuove».

Il riferimento è a quella «modalità di ascolto della base» cui la Sinistra Arcobaleno, con Loredana De Petris insieme a Fabio Nobile del Pdci e Massimiliano Smeriglio di Rifondazione, ha fatto riferimento al termine dell’incontro con Rutelli di mercoledì.

Il presidente di Arcigay Roma Fabrizio Marrazzo ha spiegato che le richieste fatte a Rutelli sono state, oltre quella sulle unioni, anche «la tutela e l´accesso ai servizi comunali anche per le coppie di fatto, eterosessuali e gay; l´incremento dei servizi che tengano conto dei bisogni delle persone lesbiche, gay e trans; la lotta all´omofobia e alla transfobia nella pubblica amministrazione e nelle scuole; il riconoscimento degli spazi di aggregazione, di socialità e di visibilità come la Gay Street di via di San Giovanni in Laterano di cui bisogna garantire la sicurezza come ci dimostrano gli episodi dei giorni scorsi: prima un tassista rifiuta un utente gay poi l´incendio al Coming Out.»

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...