Saldi, saldi, saldi: si parte

In anticipo rispetto agli ultimi anni, la capitale si appresta a vivere un weekend di passione, grazie all’arrivo dei tanto attesi saldi, tra vento, freddo e pioggia

Roma – Letteralmente assediata dal vento e dalla pioggia, Roma vivrà quest’oggi un sabato di passione e di acquisti, grazie all’arrivo dei tanto attesi saldi invernali.

Centinaia di negozi verranno presi d’assalto, da turisti e romani, per un mercato, quello dell’abbagliamento, uscito con le ossa rotte dal Natale 2009. 240 euro la spesa media a famiglia, secondo una recente indagine, con centinaia di commessi chiamati agli straordinari.

Quali le vie più battute, ricercate e possibilmente ‘ricche’ di concreti saldi? Tralasciando le vie più ‘ovvie’ ed ‘in’ del centro storico, da Via Condotti a Via Margutta, passando per Via del Corso, tanti sono i negozietti fashion e radical-chic da annotare nella personale agenda dei saldi.

Come non tenere in considerazione 40°, in Via Virgilio, negozio di culto a pochi passi da Via Cola di Rienzo, dove potrete trovare t-shirt, jeans, felpe e maglioncini assolutamente originali, disegnati il più delle volte da designer sparsi in giro per l’Europa, se non per il mondo. Considerando i prezzi, solitamente alti, i saldi potrebbero davvero cadere a fagiuolo…

Per gli amanti delle scarpe, soprattutto sneakers ad edizione limitata, ma anche altro, imperdibile solo Loco, in Via dei Baullari, e Beaverton, in Via dei Serpenti. Tornando al look ‘da strada’, ma ricercato, un salto non potrete non farlo da The Butcher, in Via L. Manara, zona Trastevere, da Ripple Made, in Via Laurina, così come da Straight to Hell, in Via dei Volsci, dove sarete sommersi da una montagna di t-shirt autoprodotte, vendute a prezzi ‘stracciati’, soprattutto se paragonati alla media della città.

Ti suggeriamo anche  Cori omofobi durante la partita, tifosi banditi dallo stadio

Se siete amanti dell’usato e del vintage Miss France, in Via della Scrofa, è il posto che fa per voi. Perennemente chiuso durante il giorno, aperto invece quasi per tutta la notte, il negozietto, minuscolo, è gestito da un’eccentrica ed inimitabile signora di mezz’età, Maryse, a suo tempo Miss Francia. Oggetti ed accessori di ogni tipo, venduti a prezzi irrisori, per un colpo d’occhio a dir poco sensazionale, tra barbie denudate d’annata e teste di bambole vintage. Un angolo di Roma quasi inimitabile nel suo essere unico.

Tanti luoghi da spulciare, passando da un camerino all’altro, per un weekend di saldi da vivere a 360°, uscendo magari dal solito e ‘scontato’ centro storico, fatto di marche talmente abusate da far venire l’orticaria.

di Federico Boni