Salvini: Elton John a Sanremo non può parlare di unioni e adozioni

Categorico il segretario della Lega Nord contro Elton John che sarà ospite a Sanremo

“La maggioranza degli italiani è contraria a adozioni gay, utero in affitto e genitori 1, 2, 3 e 4. Se Elton John ci fa un pippone a Sanremo su Rai1 pagato con i soldi nostri, il canone se lo paga lui”. Lo ha appena detto Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, a La Zanzara su Radio 24. “Non deve parlare di unioni e adozioni sul palco”, dice ancora categorico Salvini.

Non ho mai pagato il canone Rai, in casa non ho la televisione. È una tassa ingiusta, la Rai andrebbe privatizzata”, ha poi aggiunto il segretario della Lega Nord. E con il canone in bolletta come farai? “Vediamo a luglio – ha risposto il leader del Carroccio -. Ma fino a quando non compro un televisore la tassa non la pago. Io faccio tutto col tablet. È una tassa di possesso, non la devo pagare lo stesso. Ci mancherebbe che pago il canone se non ho la televisione”.

La puntata, blindatissima, a Sanremo di Elton John, leggenda della musica che torna domani all’Ariston dopo 22 anni, ha già scatenato polemiche nel pieno dello scontro sulle unioni civili. Si sa che atterrerà a Nizza con un volo privato, accompagnato da 20-25 persone del suo staff e forse dal marito David Furnish: a quanto si apprende, ha chiesto di riservare due biglietti in platea per la serata. Arriverà direttamente all’Ariston: in camerino – su sua richiesta – ficus benjamin e fiori di Sanremo e un menu light a base di frutta, verdura, gallette di riso, caffè, tè e anacardi non salati. Sul palco farà – sembra – soltanto le prove tecniche. Suspense assoluta, dunque, fino all’intervento in diretta, che dovrebbe durare una ventina di minuti. Quello che è certo, è che canterà il nuovo singolo Blue Wonderful tratto dal suo 32/o album da studio, Wonderful Crazy Night, e poi almeno un paio delle sue hit. Subito dopo la performance, lascerà la città dei fiori per dormire a quanto pare a Nizza, dove ha casa.