San Pietroburgo, polizia arresta 30 attivisti LGBT durante il Pride

di

Ennesima dimostrazione di forza da parte della polizia russa, che ha arrestato quasi tutti i partecipanti al Pride di San Pietroburgo.

CONDIVIDI
180 Condivisioni Facebook 180 Twitter Google WhatsApp
2072 1

Il Pride di San Pietroburgo è stato nuovamente segnato dalle violenze e dalla conclamata omofobia russa.

Circa 60 attivisti LGBT si sono coraggiosamente riuniti in pieno centro a San Pietroburgo, nel pomeriggio di sabato, con l’intenzione di dare comunque vita all’annuale Pride, puntualmente non autorizzato dalle autorità

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Secondo quanto riportato da Reuters, la polizia è arrivata in massa sul posto, arrestando qualsiasi attivista che sventolasse bandiere arcobaleno o cartelli, trascinando tutti su un pullman. Circa 30 gli attivisti fermati e portati dietro le sbarre. Aleksei Nazarov, tra gli attivisti fermati, ha confermato come ‘tutti siano stati portati in stazione’. Sobi, altro attivista presente alla manifestazione, ha dichiarato ad Euronews: “Sono molto stanco di essere discriminato e dell’idea che non possa uscire per dire che mi dispiace. Il mio Paese non vuole sentirlo. Mi sento male, ma a loro non importa. “

5 anni fa la Russia ha approvato una legge che vieta la promozione della “propaganda gay”, rendendo di fatto illegale qualsiasi manifestazione LGBT.

Leggi   Palermo Pride 2018, in 50.000 per chiudere un'Onda Rainbow da record
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...