Sandro Mayer: morto il direttore di DiPiù. Le accuse di omofobia da Veronica Pivetti

di

Nel 2017, aveva creato scalpore una dichiarazione dell'attrice, che aveva scatenato supposizioni sulla sua omosessualità.

sandro mayer
CONDIVIDI
95 Condivisioni Facebook 95 Twitter Google WhatsApp
1702 0

Sandro Mayer è morto. Aveva 77 anni. Direttore di DiPiù e DiPiùTv, è stato anche giudice a “Ballando con le Stelle“, opinionista in diversi programmi televisivi di Rai e Mediaset. Ma era soprattutto un giornalista, e ha rivoluzionato il giornalismo italiano.

Direttore di Gente, Novella 2000 ed Epoca, è morto nella notte del 30 novembre all’ospedale Fatebenefratelli di Roma.

Le accuse di omofobia della Pivetti

Sandro Mayer in passato è stato oggetto di critiche da parte di Veronica Pivetti, a seguito di un’intervista rilasciata a DiPiù, secondo l’attrice manipolata, nell’agosto del 2017. La professoressa/investigatrice Camilla Baduino del piccolo schermo (in Provaci Ancora Prof) aveva spiegato al giornale che era delusa dagli uomini e che ora viveva con una sua amica. L’articolo aveva procurato scalpore, scatenando diverse supposizioni sull’omosessualità dell’attrice. La Pivetti, a seguito di tutto questo, ha accusato DiPiù di aver manipolato l’intervista, definendo omofobi i giornalisti della rivista.

Sandro Mayer ha quindi voluto risponderle, accusandola a sua volta di essere omofoba. Nella risposta, ha scritto:

Lei (Veronica Pivetti, ndr) ha affermato: “Se fossi una donna omosessuale, mi incazzerei parecchio.” Quindi non lo è. Ma perché precisarlo? Se fosse stata omosessuale cambierebbe qualcosa? Lei scrive più avanti: “Dove sta scritto che l’eterosessualità è la strada che scegliamo per prima, anzi, peggio ancora, la strada giusta?

“Solo gli omofobi pensano ci siano strade giuste o ingiuste: per noi, mi creda, qualunque strada prenda una persona fin dalla nascita è giusta” ha spiegato Sandro Mayer nella sua lettera. Si è mostrato, forse involontariamente, gay-friendly, aperto verso tutti i concetti di famiglia. E perché mettere in prima pagina la sua intervista? Perché era semplice e sincera, e “per parlare di un problema sociale di cui ancora purtroppo si discute tanto nelle famiglie”. 

Leggi   Attentati terroristici contro omosessuali: 2 riusciti e 4 tentativi falliti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...