Sant’Elena, anche la piccola isola ha legalizzato il matrimonio egualitario

L’Isola di Ascensione aveva detto sì alle nozze same-sex il 1° gennaio scorso, mentre le isole di Tristan da Cunha avevano fatto altrettanto il 4 agosto. Con Sant’Elena si è di fatto chiuso il cerchio.

Sant’Elena, piccola isola situata nell’oceano Atlantico che costituisce territorio britannico d’oltremare comprendente anche l’Isola di Ascensione e quelle di Tristan da Cunha, ha ufficialmente legalizzato il matrimonio egualitario.

9 i favorevoli e 2 i contrari, da parte del consiglio legislativo del Paese, che vede in Jamestown la propria capitale e meno di 1000 abitanti complessivi. Sant’Elena, come dimenticarlo, è diventata celebre per essere stata luogo dell’ultimo esilio di Napoleone, tra il 1815 fino alla morte, nel 1821.

L’Isola di Ascensione aveva detto sì alle nozze same-sex il 1° gennaio scorso, mentre le isole di Tristan da Cunha avevano fatto altrettanto il 4 agosto. Con Sant’Elena si è di fatto chiuso il cerchio. Proprio qui, su questo isolotto, mesi fa era stata rivelata l’omosessualità di Jonathan, ovvero la tartaruga più anziana al mondo con i suoi 186 anni.

Per quasi 30 anni gli abitanti dell’Isola hanno pensato che la compagna di Jonathan, il cui nome è  Frederica, fosse una tartaruga femmina, fino alla scoperta dei veterinari, rivelata nel mese di ottobre dopo alcuni controlli medici. Altro che femminuccia, l’amore di Jonathan era una tartaruga maschio. Dal 2018, almeno virtualmente, i due potranno giurarsi amore eterno.

Ti suggeriamo anche  Matrimonio egualitario, Arcigay: "Sia tema centrale alle prossime elezioni politiche"