Saw, al cinema l’ottavo capitolo: la campagna per far donare il sangue ai gay

La campagna per le donazioni è stata aggiornata in una chiave più attuale e LGBT.

Sono passati tredici anni dall’arrivo in sala del primo capitolo di Saw, uno degli horror più amati dalle ultime generazioni.

Nel 2004 l’arrivo in sala di Saw era stato lanciato in parallelo a una campagna volta a incoraggiare le persone a donare il sangue: in cambio un biglietto gratuito per entrare al cinema. I protagonisti? Infermieri e infermiere sexy.

Il 27 ottobre uscirà nei cinema americani l’ottavo e attesissimo capitolo del franchise e la campagna è tornata, riproposta questa volta in una chiave più LGBT. Al posto delle infermiere sexy, infatti, in scena modelli LGBT. Il messaggio è chiaro: la raccolta del sangue deve essere aperta a tutti.

Negli Stati Uniti d’America, infatti, agli omosessuali e ai bisessuali è ancora preclusa la donazione di sangue.

Halloween Blood Drive punta quindi su volti noti come Amanda Lepore, Shaun Ross, Dan Rockwell, Grae Drake e Mykie per superare questo assurdo e discriminatorio divieto.

Ti suggeriamo anche  Call Me By Your Name, Aciman sempre più incerto sul sequel: "Non so se dicevamo sul serio"
Viaggi

Stoccolma, guida gay 2019

La vita gay è all’insegna della piú assoluta integrazione, ma niente darkroom o saune. Eleganza, stile, il bellissimo popolo svedese, arte e natura, per una vacanza friendly da fare almeno una volta nella vita.

di Redazione