Scheda: Mara Carfagna, da Miss Italia a Ministro

di

Una breve biografia che ripercorre le tappe della carriera della neo responsabile del dicastero delle Pari Opportunità. Dalla tv al parlamento. Tradizione, famiglia e procreazione i suoi 'must'.

CONDIVIDI
1 Condivisioni Facebook 1 Twitter Google WhatsApp
11701 0

Nome: Maria Rosaria (Mara) Carfagna

Nata: a Salerno il 18 dicembre 1975

Titolo di studio: laurea in legge

Curriculum professionale: diplomata in danza classica, ha studiato pianoforte e canto leggero. La sua carriera inizia nel 1990, quando partecipa come prima ballerina al programma Rai ‘La notte del Mito’. Nel 1993, pur continuando a ballare, sfila sulle passerelle della moda italiana. Nel 1996 fa parte del corpo di ballo della trasmissione di RaiUno’I cervelloni’. Nel settembre 1997 partecipa al programma Rai Isole e Dintorni, sempre come ballerina. A settembre del 1997 partecipa a Miss Italia e si classifica sesta vincendo il titolo di Miss Cinema e Miss TV Sorrisi e Canzoni. Ha partecipato come soubrette a Vota la Voce e all’edizione di Domenica In del 1997/98. Dal 2000 al 2006 ha partecipato al programma televisivo ‘La domenica del villaggio’ condotto da Davide Mengacci, in qualità di valletta. Nel 2006 ha condotto il programma ‘Piazza Grande’ insieme a Giancarlo Magalli. Nel 2007 ha partecipato con un cameo alla fortunata serie tv italiana ‘Boris’, impersonando il ruolo della cuoca Matilde, lavoro da lei realmente svolto in passato.

Curriculum Politico: Eletta alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Campania 2 nelle lista di Forza Italia (per lo stesso partito ha anche rivestito il ruolo di responsabile nazinale delle donne), suscitando non poche polemiche anche all’interno del suo schieramento. I complimenti a lei rivolti da Silvio Berlusconi, che per la ex soubrette ha una vera e propria predilezione, scatenarono l’ira della moglie dell’attuale premier, Veronica Lario.

Alla vigilia della sua prima elezione aveva dichiarato in un’intervista ad Affari Italiani: "Le mie priorità sono chiarissime: difesa del diritto alla vita. Difesa del ruolo della famiglia, delle tradizioni. Attenzione ai problemi delle giovani donne. Aiuto alle categorie in difficoltà: per esempio, le ragazze madri". Nella stessa intervista spiegava di non avere accettato una parte in un film di Tinto Brass perché "no, io non mi spoglio". 

In passato, foto che ritraggono la Carfagna quasi o del tutto nuda sono state pubblicate sulla rivista Maxim, nonché su numerosi siti internet. Inoltre, ha fatto il giro del web un breve filmato che la riprende in pieno ‘up-skirt’ senza veli durante una puntata di ‘Piazza Grande’. Dei gay ha detto che "sono costituzinalmente sterili" e che, "per volersi bene il requisito fondamentale è poter procreare".

Rieletta con il Popolo delle Libertà alle ultime elezioni politiche, è stata scelta per far parte del governo Berlusconi IV come ministra delle Pari Opportunità. 

Si vocifera che potrebbe candidarsi per prendere il posto di Antonio Bassolino alla guida della Regione Campania. Voci che lei stessa non ha smentito.

 

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...