Scuola italiana: ricerca su bullismo e “finocchi”

Il bullismo anti-gay nelle scuole è ben presente (lo dice uno studente su due) ma spesso minimizzato o addirittura non percepito dagli adulti. I dati campione in Emilia Romagna.

BOLOGNA – Nelle scuole di Bologna e di Modena studenti e studentesse omosessuali sono spesso insultati con parole offensive come “finocchio” o “lesbicona”, sono derisi, offesi o aggrediti, emarginati e isolati, ma gli insegnanti raramente se ne accorgono o intervengono. È il quadro obiettivo che emerge dalla prima indagine scientifica sul fenomeno del bullismo anti-gay, condotta su circa 450 studenti e insegnanti delle scuole delle due province. I punti salienti dei risultati sono illustrati in un dettagliato comunicato stampa diffuso da Arcigay dal quale si apprende che più della metà dei ragazzi e delle ragazze (53,5%), ad esempio, sente pronunciare spesso o continuamente, a scuola, parole offensive come “finocchio” per indicare maschi omosessuali o percepiti come tali. Un altro 28% le sente usare qualche volta, il 14,6% raramente, e il 3,8% mai. La situazione cambia drasticamente se si interpellano insegnanti e personale non docente. Quelli che sentono usare spesso o continuamente parole offensive contro i maschi omosessuali precipitano al 9% del totale degli intervistati. Meno pervasivi appaiono gli insulti alle lesbiche. Gli studenti che sentono parole offensive come “lesbicona” in riferimento a femmine omosessuali o che sembrano tali sono il 16,7%, a fronte dell’1,5% dei prof. Rimane comunque un buon 28% che le sente qualche volta (9% tra gli adulti), il 34,3% raramente (25,4% per gli adulti), e il 20,9% mai (64,2% adulti).

Ti suggeriamo anche  Sergio Pirozzi, candidato alla regione Lazio: "Contrario alle adozioni gay, i figli cercano il papà e la madre"

Saltano subito all’occhio due fatti. Il primo è che i più bersagliati da manifestazioni verbali di disprezzo e aggressività sono i maschi omosessuali. Il secondo è il netto scarto di percezione del fenomeno tra ragazzi e adulti che lavorano nella scuola. Ma succede anche che dalle parole si passi ai fatti. A più del 10% degli studenti capita di vedere spesso o continuamente un ragazzo deriso, offeso o aggredito, a scuola, perché è o sembra omosessuale, e raramente qualcuno interviene a difesa della vittima. Non lo fa mai nessuno secondo il 19,2%, raramente per il 29,3%, non sa il 22,7%. I prof inoltre non se ne accorgono. Alla stessa domanda sul frequente verificarsi di episodi di derisione o aggressione risponde infatti positivamente lo 0% degli adulti intervistati, mentre l’83,6% dice di non aver mai assistito a niente di simile. Tornando ai ragazzi, il 14,4% ha assistito qualche volta a casi di derisione, offesa o aggressione (7,5% gli adulti), il 24,9% raramente (9% adulti), e il 48,6% mai. “I docenti tendono a sottostimare il fenomeno del bullismo anti-gay – spiega il sociologo Raffaele Lelleri, coordinatore dell’indagine – anche perché molte volte gli episodi si verificano lontano dai loro occhi e dalle loro orecchie, com’è chiarito da altre risposte dell’indagine”. Parole offensive verso i gay vengono ad esempio usate soprattutto durante la ricreazione, secondo il 77,5% degli intervistati che le hanno sentite, tra una lezione e l’altra (60,5%), a fine mattinata (47,5%) e solo in misura minore (25,8%) durante le lezioni. Quanto ai luoghi, quelli preferiti per gli insulti sono corridoi, giardini e spazi comuni secondo l’89,1%, la classe (49,8%), bagni e spogliatoi (32,8%), palestra (29,1%). “Sbaglia quindi chi nega l’esistenza stessa del fenomeno – continua Lelleri – o chi si oppone alla discussione nelle scuole di certi temi, perché considerati ‘delicati’. Il paradosso è che, se in molte scuole non si può parlare di omosessuali, di ‘finocchi’ si parla invece moltissimo ”.

Ti suggeriamo anche  Chiamatemi Helen, il Popolo della Famiglia contro la Rai per il film a tematica trans: 'azione ideologizzante'

Continua in seconda pagina

^d

“L’impressione è che molti adulti tendano inoltre a minimizzare la gravità del bullismo basato sul disprezzo e l’ostilità verso le persone omosessuali – commenta Sergio Lo Giudice, docente del Liceo scientifico Copernico di Bologna e presidente nazionale di Arcigay –. Se da un’indagine emergesse che gli studenti usano regolarmente a scuola parole come ‘sporco ebreo’ o ‘negro schifoso’ si parlerebbe giustamente di emergenza anti-semitismo o razzismo. Che invece si deridano o si prendano di mira le persone omosessuali sembra una cosa meno grave. Vale però la pena ricordare che, fino a 60/70 anni fa, anche gli omosessuali venivano deportati e massacrati nei lager nazisti, e ancor oggi sono perseguitati, uccisi o incarcerati in molti paesi del mondo. È pericoloso abbassare la guardia e prendere sotto gamba la cultura del disprezzo verso intere categorie di persone”. “Gli insulti e gli atti di bullismo, specie se continuati e sistematici – osserva Lelleri – possono indurre un forte senso di isolamento, solitudine e inadeguatezza, nei ragazzi e nelle ragazze omosessuali e bisessuali, o che stiano iniziando a prendere coscienza della propria omosessualità o bisessualità, anche quando non sono rivolti personalmente contro di loro. Sono inoltre diseducativi nei confronti di tutti gli studenti, anche di quelli eterosessuali. In queste condizioni i giovani assorbono il disprezzo e l’ostilità verso le persone omosessuali, prima ancora di riconoscersi come tali. Il processo di scoperta e conoscenza di sé rischia quindi di diventare drammatico”. L’indagine di Schoolmates coinvolge in Europa oltre 1200 studenti e insegnanti. In Italia ha riguardato 437 persone, tra studenti (365), insegnanti (55), personale non docente (12), e altri non classificati (5) in scuole superiori di Bologna e Modena. I questionari sono stati raccolti durante il 2006 e il progetto si concluderà nel 2008.

Ti suggeriamo anche  Radio Globo torna a offendere le coppie omosessuali, la denuncia di Gay Center
Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo