Sgarbi: “Mio figlio sta bene: non è gay e non si droga”

di

In un'intervista rilasciata a Grazia, il critico d'arte spiega la sua particolarissima visione della paternità. E di suo figlio dice che sta bene, perché non è omosessuale che...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1647 0

Per Vittorio Sgarbi, contro le cui uscite eclatanti dovremmo ormai avere sviluppato sufficienti anticorpi, essere omosessuali è simile ad essere tossicodipendenti.
Intervistato dal settimanale Grazia, infatti, il critico ha parlato del suo rapporto con il figlio che adesso ha 24 anni ma che è stato riconosciuto solo quando ne aveva sette.
Alla domanda specifica su come vada tra lui e il figlio, Sgarbi ha risposto: "Mah. Mi pare che stia bene: non si droga, non è omosessuale".

Drogarsi ed essere omosessuali, dunque, sono due condizioni paragonabili. Non contento, il sindaco di Salemi ha aggiunto: "Sono tutte e due fonti di disagio sociale. E quindi di infelicità… E io sono liberissimo di fare e di dire quello che voglio".
A corredo di queste dichiarazioni, c’è la visione della paternità di Sgarbi il quale chiede e pretende "che il tempo della paternità sia proporzionale al tempo del concepimento". "Io sono contro l’aborto – spiega per argomentare la sua posizione -, sto sempre dalla parte della vita. Se una donna resta incinta, buon per lei. Basta che non mi chieda di fare il padre".

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Spirit Day, Britney Spears al fianco dei giovani LGBT vittime di omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...