Si ferma ancora il mondo del porno: attore si scopre HIV+

di

Le case di produzione della San Fernando Valley subiscono ancora uno stop. Appena un anno fa il caso di Derrick Burts. Un referendum vorrebbe introdurre l'obbligatorietà del preservativo...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1779 0

Le case di produzione porno della San Fernando Valley si fermano ancora dopo che una delle celebrità del settore è risultata positiva ai test per l’HIV. Sconosciuti il nome e il genere dell’attore in attesa che venga notificata la notizia a tutti i partner con cui il porn performer ha lavorato negli ultimi film. Un articolo del Los Angeles Times ha dichiarto che le case Hustler e Evil Angel, due superpotenze del settore, sono stati fra gli stuios che per primi hanno chiuso i battenti in attesa che la procedura di notifica termini.

Il meccanismo è automatico in questi casi. Lo scorso anno, dai test, emerse la sieropositività di Derrick Burts (in foto), un attore che partecipò a film sia etero che gay e la notizia fermò l’industria per mesi. I sindacati chiedono da anni una maggiore responsabilità delle case di produzione nei confronti degli attori chiedendo che il profilattico diventi obbligatorio e alcuni stanno raccogliendo le firme per un referendum che, se approvato, introdurrebbe proprio questo tipo di obbligo.

 

"La domanda è: quanti altri attori devono prendersi l’HIV o altre malattie sessualmente trasmissibili prima che l’industria e il governo prendano i giusti provvedimenti?" si chiede Michael Weinstein, presidente della AIDS Healthcare Foundation.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   La parola all'esperto: HIV e AIDS, due mali ancora poco conosciuti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...