Sicilia: si fingevano gay per adescare ragazzi, derubarli e picchiarli

Pare che le aggressioni siano almeno cinque.

Organizzavano i finti incontri nei pressi dell’area industriale di Acate, in Sicilia, per rapinare e picchiare i ragazzi. La zona è conosciuta come un ritrovo per degli incontri occasionali, frequentato in particolare da giovani omosessuali.

I 3 aggressori, tutti ragazzi tra i 18 e 24 anni e residenti nel ragusano, sono i responsabili di diverse incursioni che si sono verificate tra giugno e agosto di quest’anno. Uno dei tre si fingeva gay e adescava le vittime. Con la scusa di andare in una zona appartata, si dirigeva in auto in un luogo senza illuminazione e senza possibili testimoni, dove restavano in attesa gli altri due. Una volta sul posto, la vittima veniva aggredita fisicamente con calci e pugni e verbalmente con offese omofobe, e veniva derubata di qualsiasi oggetto di valore. In alcuni casi i ragazzi presi di mira dai tre sono stati costretti a ritirare dei soldi dal bancomat di Acate, dietro la minaccia di altre violenze.

La prima aggressione risale a giugno. Dopo soli tre giorni, il gruppo ha ripetuto la stessa azione, colpendo stavolta la vittima anche con il guinzaglio di un cane, oltre a insultarla e rapinarla.

Dopo le denunce delle vittime e le indagini, la Polizia ha arrestato i tre aggressori, nel corso di un’operazione che ha impiegato ben 30 agenti. Sono Christian Gerratana, di 24 anni e residente a Vittoria, Gaetano Velardita, 23 anni, e il 18enne Emanuele Marino, di Comiso. I tre ragazzi sono accusati di rapina, estorsione, lesioni gravi e violenza privata. Inoltre, i reati sono aggravati dal fatto di aver agito di notte, in luoghi isolati e ostacolando la difesa delle vittime.

Ti suggeriamo anche  85 Paesi in tutto il mondo sopprimono sul nascere il movimento LGBT

Nel comunicato emesso dalla Polizia di Stato, pare che le aggressioni siano in tutto cinque. Lo stesso modus operandi, difatti, è stato ritrovato in altre denunce, raccolte da altri commissariati. Grazie agli impianti di video sorveglianza e al racconto delle vittime, gli agenti hanno potuto incastrare i responsabili e procedere all’arresto. Il fermo è stato già convalidato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Ragusa.

Credits: Live Sicilia