Siena: si fa la rassegna di teatro gay

di

La soluzione, dopo il veto della Diocesi di svolgere l'iniziativa in un cinema di sua proprietà, è stata individuata dal comune di Siena e dal comune di Colle.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
917 0

SIENA – La Rassegna La Manica Tagliata si terrà al Teatro dei Varii di Colle Val d’Elsa a partire dal 1 marzo, come previsto dalla programmazione iniziale. E’ la soluzione individuata dal comune di Siena e dal comune di Colle Val d’Elsa per permettere lo svolgimento della rassegna di cinema e teatro a tematica omosessuale patrocinata dal comune, dalla provincia di Siena e dalla regione Toscana all’interno del circuito di Porto Franco. Rimangono invariate le prime tre date del cartellone, mentre lo spettacolo previsto per domenica 9 marzo probabilmente subirà una variazione.
Il comune di Siena nei giorni scorsi ha avuto notizia solo all’ultimo momento che la Curia per motivi tecnici non poteva concedere lo spazio del Teatro del Costone dove avrebbe dovuto tenersi la Rassegna La Manica Tagliata. Il comune si è attivato immediatamente per individuare altri spazi. Purtroppo il Teatro dei Rinnovati è in ristrutturazione e il Teatro dei Rozzi è occupato da altre manifestazioni e non è stato possibile individuare luoghi adeguati all’interno del territorio comunale. Se il comune fosse stato avvisato in tempi più congrui probabilmente sarebbe stato possibile trovare una collocazione.
“Il nostro impegno per individuare uno spazio teatrale non si è fermato – commenta Maria Antonietta Grignani, assessore alla cultura del comune di Siena – Abbiamo continuato a valutare varie ipotesi e abbiamo lavorato su questo con il comune di Colle. Crediamo che il prezioso palcoscenico del Teatro dei Varii sia appropriato per ospitare questa rassegna che ha nella ricerca di temi d’autore il suo filo conduttore”
“I miei ringraziamenti più sinceri – osserva Maurizio Cenni, sindaco di Siena – a Marco Spinelli, sindaco di Colle Val d’Elsa, che ha lavorato attivamente all’idea e che ha dato piena disponibilità per l’utilizzo della struttura in tempi brevi”.
“Colle Val d’Elsa, fiera della sua cultura dell’accoglienza – afferma Marco Spinelli – ha aperto il proprio teatro per risolvere un problema che inaspettatamente si è creato”
La Rassegna La Manica Tagliata
La rassegna, arrivata alla seconda edizione, si propone di far conoscere la produzione teatrale a tematica omosessuale in Italia.La Manica Tagliata, nata a Modena nel 1996, presenta da qualche anno eventi prodotti dalla rassegna per la rassegna. Ha circuitato per numerose città italiane, Modena, Reggio Emilia, Parma, Bologna, Forlì, Cesena, Genova, Siena. Si prevedono per la prossima edizione altre sedi.
Quattro sono gli spettacoli. Si inizia sabato primo marzo con Vladimir Luxuria alle 21,30, conferenza-spettacolo su “Sesso e capitalismo, il piacere a pagamento nell’era della ricchezza come piacere”. Seguirà “Ad Usum Puellarum”, concerto-spettacolo scritto, recitato e cantato da Ennio Trinelli con la regia di Federica Vandelli.
Il 6 marzo, alle 21, 30, andrà in scena “Il cortile (the Courtyard)” di Cristian Bonetto con Marco Vacondio, Tom Whitson Lister, Lisa Severo, Ennio Ruffolo traduzione e regia di Ennio Trinelli in collaborazione con Australia Council. Scritto con garbo e ironia da Cristian Bonetto, giovane autore australiano di grande talento, viene rappresentato per la prima volta in Italia, prodotto per la rassegna La Manica Tagliata. Lo spettacolo mette in scena le tensioni, gli equivoci, il falso perbenismo di una società per la quale le apparenze sono ancora troppo importanti e le difficoltà sono una imposizione degli eventi.
Sabato 8 marzo, alle 21, 30, “Home” scritto e diretto da Soufian El Khayat con Massimiliano Nicosia e Hedy Krissane. Una storia in parte autobiografica di un giovane autore originario del Maghreb, residente in Italia, che nel suo primo lavoro teatrale mette l’accento su un aspetto delicato della vita di molti immigrati gay ancora divisi tra il rispetto della loro cultura d’origine e la maggiore libertà incontrata nei loro luoghi di residenza.
Infine il 9 marzo, “Buio come il cuore” di David Osorio con Michelangelo Spinella e Vincenzo Corigliano, regia di Massimilian Nicosia. Un bellissimo testo scritto dal venezuelano David Osorio, ultima produzione de La Manica Tagliata per l’ottava edizione della rassegna.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...