Il sindaco di Venezia e la (presunta) copertina omofoba su Twitter

di

La scritta "Frocio" a caratteri cubitali, fa discutere la scelta di Luigi Brugnaro

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3316 0

Sta facendo discutere la scelta del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, di inserire come copertina del suo account Twitter l’insulto omofobo “Frocio” con il quale sono stati imbrattati i cartelloni publbicitari del concerto di Mika a Firenze. Se le persone vicine al primo cittadino – a capo di una giunta di centrodestra – assicurano che si è trattato di una scelta di solidarietà verso il cantante, senza alcun intento polemico nei confronti della comunità gay, molti la pensano diversamente. Soprattutto dopo la decisione di Brugnaro di ritirare dagli asili due “libri gender“, inseriti dall’amministrazione precedente per introdurre, utilizzando lo strumento della favola, il concetto di famiglia con due papà o due mamme.

Nonostante Brugnaro abbia chiarito la sua posizione dichiarando “Il senso dell’immagine copertina non è di provocazione bensì di piena Solidarietà. Basta con le polemiche inutili. #noallomofobia“, il sindaco sembra avere le idee chiare rispetto alle famiglie con genitori dello stesso sesso: “Il genere umano – chiarisce in un tweet – ha una precisa connotazione e si nasce tutti da una mamma e da un papà! Amen!“.

Leggi   Attentati terroristici contro omosessuali: 2 riusciti e 4 tentativi falliti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...