Sir Elton canterà a Rabat, nonostante gli integralisti

“Promuove l’omosessualità ed è inaccettabile”: così il leader del partito conservatore del Marocco ha cercato di impedire l’esibizione di Elton John al festival Mawazine. Ma il concerto ci sarà.

Nonostante le polemiche e la netta opposizione del partito musulmano Giustizia e Sviluppo (Pjd), il concerto di Elton John a Rabat questa sera ci sarà ugualmente. Lo hanno annunciato gli organizzatori del festival marocchino cui partecipano giovani in arrivo da tutto il Paese e non solo. La vicenda è emblematica del braccio di ferro tra le autorità marocchine che puntano sempre di più ad occidentalizzare il Paese, e le forze islamiche conservatrici che riscuotono sempre più consensi in tutto il nordafrica.

"Questo cantante è famoso per il suo comportamento omosessuale e per difenderlo", ha denunciato Mustapha Ramid, leader e portavoce del Pjd, il principale partito dell’opposizione in parlamento con quaranta deputati. "Siamo un partito piuttosto aperto, ma promuovere l’omosessualità è totalmente inaccettabile", ha aggiunto Ramid, che ha espresso il timore che il cantante "incoraggi il fenomeno" e abbia un’influenza negativa sui giovani marocchini. Nonostante l’Egitto abbia recentemente cancellato un concerto di Elton John per alcune dichiarazioni rilasciate dal cantante sull’omosessualità, le autorità marocchine hanno ignorato le richieste di vietarne l’esibizione. "Ci relazioniamo con artisti e intellettuali per ciò che fanno, senza prendere in considerazione la loro vita privata – ha dichiarato El Hassan Neffali, organizzatore del Mawazine Festival, ai giornalisti -. La vita privata di qualcuno è una cosa, l’arte o le attività creative un’altra".

Ti suggeriamo anche  Tab Hunter, è morto il divo che Hollywood costrinse ad essere etero

Nell’ambito del festival, Rabat ospiterà altri sette appuntamenti e sul palco si avvicenderanno artisti del calibro di Sting, Carlos Santana e Mika, oltre ai nomi più noti della musica araba.

Per evitare possibili tensioni, Elton John è l’unico artista che si esibirà al festival per il quale non è stata programmata una conferenza stampa con i giornalisti locali. Ramid ha detto di non sapere se il suo o altri gruppi abbiano organizzato manifestazioni di piazza contro il governo. Il Pjd e altre organizzazioni conservatrici hanno regolarmente criticato il Mawazine festival, perchè promuove la promiscuità e artisti che non si uniformano ai precetti musulmani. Hanno inoltre denunciato che la stagione del festival distrae gli studenti dai loro esami di fine anno. Il Mawazine festival è sotto il patrocinio del re marocchino Mohammed VI.