Siria De Fazio: “Tutta la verità su me e Naike Rivelli!” #intervista

L’ex gieffina parla della sua storia con Naike Rivelli e della sua nuova vita!

Alzi la mano chi non si ricorda di Siria de Fazio, la prima concorrente “dichiaratamente lesbica”, ad aver partecipato al Grande Fratello. Sono passati più o meno sette anni dal suo ingresso nella casa più spiata e, nonostante la fine di un certo tipo di tv, la mangiafuoco più famosa d’Italia è tornata sotto i riflettori per una storia d’amore, piuttosto travagliata, con Naike Rivelli, meglio conosciuta come la prima figlia di Ornella Muti. Ma facciamo un passo indietro: Naike Rivelli non era etero? E soprattutto: non era lei quella che cantava, con lo pseudonimo di Nayked, “I like men? Io ne ho parlato con Siria De Fazio che si è confessata, come non ha davvero fatto mai, sulla sua sessualità, sul suo rapporto con Naike Rivelli e sulla sua nuova attività lavorativa.

Facciamo un passo indietro: che ne è rimasta dell’esperienza al Grande Fratello?

Un bel ricordo, anzi: un bellissimo ricordo. Ogni tanto, quando ripenso a quel periodo lì, mi viene una forte nostalgia. Il Grande Fratello mi ha sicuramente cambiato la vita. Diciamo che tutta la mia vita di oggi, è conseguenza anche di quel tipo di esperienza.

Con il senno di poi la rifaresti?

La rifarei subito.

Non ti sei mai pentita d’aver messo a nudo la tua vita più privata?

No, anche perché io non ho mai nascosto nulla della mia vita, anzi. La mia vita non ha mai avuto grossi filtri. Non ho mai voluto far vedere che andasse tutto troppo bene o tutto troppo male. Questa è la mia vita e che appaia sempre per quel che realmente è.

Proprio al GF è venuta fuori la tua sessualità. Una volta uscita c’è stato qualcuno che ha provato a farti sentire: “la lesbica che ha partecipato al Grande Fratello?”

Ti suggeriamo anche  GF Vip: Belen e Ilary Blasi si baciano in diretta

Si, sempre. I primi ad etichettarmi, a dirla tutta, sono stati i mass media e poi diciamoci la verità: io non ho mai detto di essere lesbica. Io sono bisessuale. Sono una bisessuale convinta. E’ pur vero che al GF ho parlato spesso di amori nati con donne, ma questo non vuol dire che prima, dopo o durante, non ce ne siano stati altri con uomini.

E ti ha dato fastidio quest’etichetta?

Mi da fastidio, perché penso che fondamentalmente non ce ne sia bisogno. Hai mai sentito dire: “ecco Pino, l’etero del Grande Fratello?”

Guardando i vari personaggi del mondo gay che hanno partecipato al GF, tu senz’altro sei quella meno sopra le righe. Non pensi che sia poco producente inserire persone troppo eccentriche?

Si, lo penso anch’io, ma non perché non sia giusto dar “luce” a questo tipo di persone, ma perché esistono anche altri tipi di persone. Persone che con l’eccentricità non c’entrano nulla e che fanno una vita decisamente ordinaria. Nel mondo gay non esiste solo il gay pride, diamine. E’ come se mostrassimo, per il mondo etero, solo uomini che vanno allo stadio.

Oggi di cosa ti occupi?

Oggi faccio la modella tatuata e continuo a fare i miei spettacoli con il fuoco in giro per l’Italia, e non solo.

Modella tatuata?

Si. Ho più di quaranta tatuaggi e sfrutto, nel senso migliore del termine, la mia fisicità abbinata a questo tipo di forma d’arte.

Nonostante la tua nuova attività, sei tornata sotto i riflettori per la storia con Naike Rivelli…

Ti suggeriamo anche  Guendalina Tavassi: "Spero che il mondo gay non mi abbandoni durante Tale & Quale"

(ride, ndr) Effettivamente entrambe siamo tornare sotto i riflettori per questo nostro incontro. Sinceramente non credo che sia venuto fuori realmente quello che ci stava accadendo, perché forse neanche noi riuscivamo a capirlo veramente.

In che senso?

Sai, quando conosci una persona c’è sempre quel tipo di energia così forte, che all’atto pratico non ti fa ben distinguere la passione dall’amicizia. Io e lei non ci siamo perse, nonostante ci siano stati momenti piuttosto bui, in cui non ci capivamo. Però, alla fine, aspettando, ci siamo capite e siamo diventate quello che eravamo destinate ad essere.

E cosa eravate destinate ad essere? Due amiche?

Chiamarla amicizia è riduttivo. Per me Naike è come una casa. Ogni volta che sono con lei, mi sento al posto giusto.

Hai detto: “dopo dieci minuti dalla nostra conoscenza c’è stato subito un bacio postato sui social”. Ma il privato che fine ha fatto?

Suvvia, sui social, quando si condivide un qualcosa, uno perde un minuto. Poi restano ventitre ore e cinquantanove minuti a disposizione, che posso garantirti che noi abbiamo ben tutelato.

Oggi Naike sta con il figlio di Albano Carrisi. E’ stato più difficile accettare la fine della storia o la fine della storia per colpa di uno come Yari?

Alt: la nostra non è stata una fine, ma al massimo una trasformazione. Yari è la persona più bella del mondo e son contenta che Naike l’abbia incontrato. Ti dirò di più, che Yari, secondo me, è la versione al maschile di Naike. Forse, se al posto di Yari ci fosse stato un altro uomo, mi sarei ingelosita, ma vedendoli insieme non posso che essere contenta.

C’è chi dice che la bisessualità non sia per sempre. Tu ci credi?

Ti suggeriamo anche  Trono gay, minacce anonime a Maria De Filippi: "Ora tremo"

Io credo di essere bisessuale sin dalla nascita e son piuttosto convinta che morirò così. Di base mi sento una donna che s’innamora di un’anima. Poi, che negli ultimi anni, siano capitate più donne, credo che sia solo un caso.

Un caso?

Beh si. E’ come se dicessi che ho incontrato più persone bionde, che rosse. Sono incontri che non si scelgono.

E se Naike un giorno tornasse a bussare alla tua porta?

Non sarebbe possibile, ne sono certa. Io magari mi espongo meno, rispetto a lei, ma anche io ho avuto altre parentesi nel frattempo. Per me resta e resterà sempre una persona importantissima. Talmente tanto che potrei anche baciarla.

Oggi sei fidanzata?

No, non sono fidanzata. Ho avuto la fortuna di conoscere la libertà e una volta che la scopri è difficile riuscire a rinchiudersi in una gabbia. Sia ben chiaro, questo non vuol dire che io vada a fare chissà cosa in giro. O arriva una persona che sa rispettare i miei spazi e il mio stile di vita, oppure sto benissimo anche da sola.

Non hai mai fatto mistero della tua passione politica per movimenti poco sinistroidi. E’ ancora così?

No. Son cambiata molto negli ultimi anni. Oramai i personaggi politici, perché di personaggi si stratta, li guardo, li ascolto e mi faccio un’idea. Sono diventata senza dubbio più centrale, di come non lo ero prima.