Soltanto in 150 al Gay Pride rumeno

di

Nonostante la presenza di tre ambasciatori hanno partecipato in appena 150 al Gay Pride di Bucharest, quasi quanto gli attivisti che protestavano contro la marcia lgbt.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2350 0

Hanno partecipato in appena 150 al gay pride che si è tenuto a Bucharest, lo scorso sabato. Qualche decina ha invece partecipato alla marcia di protesta che condannava la manifestazione lgbt. Fra i partecipanti al Pride rumeno sono stati anche tre ambasciatori: quello americano, Mark Gitenstein, l’ambasciaotre inglese Martin Harris e quello svedese Anders Bengtcen. La presenza delle forze dell’ordine ha consentito che il Pride si svolgesse senza incidenti

La Romania ha depenalizzato l’omosessualità soltanto nel 2000 e solo in seguito alla richiesta dell’Unione Europea che ha posto il bando alla disciminazione nell’ordinamento come condizione per aderire all’Unione Europea. La situazione dei gay, lesbiche e transgender in quel paese non è però dei migliori. La comunità lgbt lamenta ancora troppe disciminazioni e la strada per una normalizzazione è ancora lunga, come dimostra l’esiguo numero id partecipanti alla marcia dell’orgoglio.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...