L’estrema destra alza il tiro in piena Europa: sono fascisti gli assassini di Emmanuel

Questo è quanto: esponenti di estrema destra hanno ucciso un immigrato gridando “scimmia africana”.

emmanuelucciso

EMMANUEL UCCISO PERCHE’ DIVERSO > Leggi >

 

PAGINA IN AGGIORNAMENTO

Ucciso perché difendeva la sua compagna dall’insulto “scimmia africana”. La notizia ha sconvolto gli Italiani. Una coppia di nigeriani passeggiava a Fermo. Lei viene insultata. Suo marito reagisce. Viene ucciso. Da due balordi inizialmente definiti “ultras della squadra di calco locale”. La verità è che si tratta di due persone di estrema destra. Torniamo infatti sull’argomento per sottolineare che gli aggressori omicidi di Emmanuel Chidi Namdi sono fascisti di estrema destra. Nel pieno della questione immigrati, nel caos che sta sbriciolando l’Unione Europea, non bisogna assolutamente abbassare la guardia e bisogna dare il giusto nome alle cose e alle persone.

Secondo Il Fatto Quotidiano gli aggressori sono “estremisti di destra”. Per Repubblica “erano noti da tempo alle forze dell’ordine come elementi della destra fascista”.

E’ incredibile come sui titoli principali si continui a parlare di ultras, mentre i fatti sono ben più allarmanti. Sia chiaro, rispetto alla tragedia della morte di una persona, che siano stati solo ultras o che siano stati estremisti politicizzati poco cambia.

Tuttavia in questo preciso momento storico riteniamo doveroso sottolineare che in piena Europa, nel paese che dall’inizio dell’anno ha visto quasi 50mila sbarchi di immigrati solo via mare, esponenti di estrema destra hanno ucciso un immigrato africano gridando “scimmia africana”.

Ti suggeriamo anche  Matrimoni gay in Germania: i sei parlamentari musulmani hanno votato sì

PAGINA IN AGGIORNAMENTO

AGGIORNAMENTO ORE 15
L’assassino si chiama Amedeo Mancini, ha 38 anni, è un estremista di destra, imprenditore zootecnico, alto 190 cm ed è sotto stato di fermo per omicidio preterintenzionale.

 

 

 

Emmanuel, ucciso perché diverso

 

11 commenti su “L’estrema destra alza il tiro in piena Europa: sono fascisti gli assassini di Emmanuel

  1. Se l’articolo è in aggiornamento allora aggiornate:

    1) il palo è stato usato come arma dal ragazzo morto

    2) la persona ha reagito tirando un pugno e cadendo il ragazzo ha battuto la nuca

    “Se da un lato la moglie della vittima accusa A.M. di insulti razzisti e di una brutale aggressione senza motivi apparenti, dall’altra c’è la versione fornita dall’indagato, confermata da quattro testimoni: il giovane che era in compagnia del 39enne e tre donne. (…) Chidi
    Namdi e la donna sono tornati indietro. Da qui le versioni si fanno nuovamente contrastanti: A.M. e i testimoni sostengono che la moglie della vittima abbia inveito contro il 39enne, tentando di mettergli le mani addosso e che il marito abbia spinto il suo contendente fino all’altra parte della strada, per poi imbracciare il palo della segnaletica stradale e colpirlo, facendolo cadere a terra.A.M. a quel punto si sarebbe rialzato e avrebbe sferrato un pugno al volto a Chidi Namdi, facendolo finire sull’asfalto, dove ha sbattuto la nuca. La moglie della vittima, invece, sostiene che sia stato A.M. a colpire il nigeriano con il segnale stradale, per poi infierire insieme al suo amico.Da una prima ispezione medico legale i traumi riscontrati sono quelli al volto e alla nuca. Traumi compatibili con la versione fornita dal 39enne fermano. La polizia ha intanto sequestrato il segnale stradale utilizzato presumibilmente per l’aggressione e, dopo l’esame degli uomini della Scientifica, è risultata l’assenza di tracce di sangue.”

    3) chi vada in giro a chiamare “scimmia” una persona di colore è più un caso psichiatrico che non un tentativo di rifondazione del partito nazista.

    4) il ragazzo morto avrebbe avuto tutte le tutele legali se avesse denunciato chi gli aveva rivolto le ingiurie. Mettersi a brandire pali o aggredire e fare risse non è accettabile in nessun caso, neppure se provocati.

    1. Ma lei era presente a questo accaduto? Secondo quello che scrive e la rabbia che si nota palesemente nel suo racconto, sembra che abbia partecipato in tale evento. Invece di scrivere non è meglio che va alla polizia a raccontare i fatti? E’ per caso l’avvocato delle cause perse? E’ morto una persona e questo è già gravissimo. Dobbiamo sempre giustificare i delinquenti? Io mi preoccuperei di lei invece…Ha qualcosa di pericoloso nella sua rabbia e c’è da aver paura altroché giustificare i delinquenti su questo sito….

  2. Quest’altro aggiornamento no?

    A parlare è Pisana Bachetti, la donna di Fermo che per prima ha avvisato la polizia e che ha assistito alla tragedia consumatasi martedì pomeriggio.

    «Purtroppo ho assistito alla scena e ed ho visto che il giovane fermano, prima di sferrare il pugno, è stato letteralmente assalito dalla vittima e da sua moglie. Lo hanno picchiato per quattro o cinque minuti e lo hanno colpito anche con il palo di un segnale stradale».

    «Ero presente e voglio precisare che quel povero ragazzo nigeriano, prima di cadere a terra per un pugno subìto, si è reso protagonista di un vero e proprio pestaggio del 39enne fermano. Per quattro o cinque minuti è stato attaccato simultaneamente dal giovane di colore e da sua moglie. Lui (Emmanuel, ndr) addirittura lo ha colpito con un segnale stradale trovato nei pressi facendolo cadere a terra e poi hanno continuato a picchiarlo. Quando ho visto quella scena, ho chiamato la polizia perché temevo per l’incolumità del 39enne fermano, che ha reagito con un colpo, purtroppo per la vittima, ben assestato. Qualcuno ha cercato di intervenire, ma è stato preso a scarpate dalla moglie del giovane di colore. Casualmente sono giunti sul posto gli agenti delle polizia municipale, perché, nel frattempo, la moglie di Emmanuel aveva fatto una telefonata ed erano arrivati una quindicina di nigeriani pronti ad entrare in azione»

    1. Sono tutte sciocchezze che non trovano riscontro da nessuna parte; nè dalla polizia municipale né dal soggetto fermato che nella confessione non ha mai fatto cenno a “una quindicina di immigrati” e ha tentato di discolparsi dicendo di averlo scambiato per un ladro. Poi, questa Pisana Banchetti, ha già dato prova di quanto possa essere credibile in passato, quando si è inventata notizie su notizie contro vari immigrati.

      1. Quattro testimoni concordano tutti con la versione dell’uomo. L’autopsia conferma che le ferite sul morto sono coerenti con il racconto dell’uomo (un colpo al viso e uno alla nuca). La polizia scientifica conferma che sul palo non c’è nessuna traccia di sangue. Chi ha chiamato la polizia per prima conferma la versione dell’uomo. Però tu scegli di credere alla versione della donna, che ha dimostrato di aver ampiamente mentito (nessun pestaggio ripetuto con la sbarra su suo marito, i primi ad alzare le mani sono stati lei è suo marito, e chissà quale altra balla). Comincio a pensare che gente come te gioisca quando muoiano le persone, per poter utilizzare i cadaveri come simboli da sbandierare. Siete sciacalli: per combattere fascismo razzismo e violenza non servono i cadaveri, state male in testa.

        1. Minchia… quanta rabbia repressa. E solo per averti fatto notare che la versione fornita dall’uomo in stato di fermo (“l’ho scambiato per un ladro di auto”) è diversa da quella che sostiene la sedicente testimone, che parla di gruppi di immigrati e che non è nuova a questo genere di spettacoli, come quando accusava i cinesi di pescare gatti; oltre ovviamente dal referto medico del fermano che è uscito da un pestaggio con un palo stradale di 4/5 minuti con solo un morso. Referto medico prodotto in seguito ad una visita che è stata eseguita oggi, a differenza dell’autopsia che NON È ANCORA STATA ESEGUITA, come conferma Francesco De Minicis, il legale del fermato, e che verrà eseguita il giorno 8 luglio alle ore 12.30. Che figura barbina che hai fatto! Smascherato alla grande. Ora fai il bravo, prendi la poca dignità che ti rimane, la tua virilità in frantumi, la tua saccenza da bigotto razzista, poi apri bene le gambe e ficcati tutto su per il….hai capito, vero?

          P.S.
          Ti ringrazio per il plurale maiestatis. So che la mia intelligenza può intimorire, ciononostante non è necessario…

          1. rabbia repressa? Sicuro di non star proiettando? figura barbina?
            “Da una prima ispezione medico legale i traumi riscontrati sono quelli al volto e alla nuca. Traumi compatibili con la versione fornita dal 39enne fermano.”
            che tristezza il tuo riferimento a pratiche di sodomia come demascolinizzanti o degradanti, sa tanto di personalità irrisolta. Certo che se i “gay” di gay.it sono del tuo livello non sorprende nessun omosessuale di successo abbia mai voluto avere niente a che spartire…chissà che frustrazione aver fatto scappare a gambe levate Armani, Versace, d&g, Valentino, Bolle, e chi più ne ha più ne metta. In pratica l’unico che vi si inculi ma neppure troppo è il figlio mezzo illegittimo dei Gherardesca..pensa te!

            Detto questo, fai pure caro mio, continua a banchettare su un cadavere per cercare disperatamente di legittimare le tue teorie sconclusionate. Fai schifo come tutti gli avvoltoi e le iene, ma contento tu contenti tutti. Un bacio piccolino, riguardati.

        2. Ma cosa scrive lei…..Questa aggressione verbale denoto che avviene dal suo spirito pacifico…..Tutta questa rabbia invece dalla sua anima buona…..Se ne rende conto vero di quello che scrive?

  3. È già cominciato il processo sul sito gay.it e sono tutti giudici inquirenti e istruttori evidentemente collaborano con le forza dell’ordine e la Dia. È triste non capire che un essere umano che è razzista omofobo misogino ha già ucciso molte vite e ferito il genere umano molto più di un assassino

  4. Sono tutti giudici inquirenti e istruttori evidentemente collaborano con le forze dell’ordine e la magistratura per sapere tutto loro. Per me per uccidere un essere umano basta un insulto razzista non mi serve altro per la condanna

  5. C’e’ in corso il genocidio dei popoli europei tramite immigrazione di massa e si condanna chi si oppone? fosse almeno vero, i negri stavano per uccidere l’ultrà con un palo, è stata pure autodifesa

Lascia un commento