Sorrento, niente unioni civili nel chiostro di San Francesco

Da anni all’interno del chiostro si tengono concerti di musica classica e matrimoni civili, ma incredibilmente non per persone dello stesso sesso.

Polemiche a Sorrento, a causa del sindaco Giuseppe Cuomo che ha negato l’utilizzo del chiostro di San Francesco per un’unione civile.

Vincenzo D’Andrea e Heriberto Vasquez Ciro si sarebbero voluti unire civilmente in quello che è uno dei monumenti più antichi e suggestivi della città, costruito sui resti di un monastero del VII secolo tra la fine del 1400 e gli inizi del 1500. Da anni all’interno del chiostro si tengono concerti di musica classica e matrimoni civili, ma non per persone dello stesso sesso.

Abbiamo detto no perché, anche se il chiostro di San Francesco è di proprietà del comune, è attiguo al monastero francescano e non mi è sembrato opportuno celebrare questo tipo di unione. Siamo disponibili negli altri luoghi da noi utilizzati come il Museo Correale, Villa Fiorentino e il comune stesso“.

Così si è difeso il sindaco Cuomo, via Repubblica, scatenando l’ira del futuro sposo Vincenzo.

Mi è crollato il mondo addosso, sono due anni che la legge Cirinnà ha stabilito uguaglianza tra i cittadini e mi sono molto meravigliato che una città internazionale come Sorrento possa avere queste riserve”. “Il comune di Sorrento fa parte dello Stato italiano e non del Vaticano. C’eravamo informati prima, lì si celebrano tantissimi matrimoni civili e non religiosi, perché a noi è stato vietato? Rivendichiamo gli stessi diritti degli altri cittadini. Ci sono state battaglie e fortunatamente grazie alla legge Cirinnà è stato stabilito un diritto di uguaglianza. Rispondere così esprime un basso profilo. Chiediamo uguaglianza. Voglio portare avanti questa battaglia per gli altri. Noi siamo stati accolti con grande simpatia e disponibilità dal comune di Piano di Sorrento. Celebreremo il nostro matrimonio a Villa Fondi . Ma la battaglia sarà per gli altri cittadini italiani che esprimeranno il desiderio sposarsi a Sorrento presso il chiostro di San Francesco. Per questo motivo abbiamo denunciato l’accaduto all’Arcigay di Napoli”. “Ringraziamo la legge Cirinnà che ci ha consentito di coronare il nostro sogno”.

Ti suggeriamo anche  Sposi gay russi costretti a fuggire dal Paese dopo le minacce della polizia

Vincenzo e Beto convivono da sei anni nella Capitale, con l’unione civile programmata per il 25 luglio a Piano di Sorrento.