Sospesa licenza ad un locale di Roma dopo le aggressioni omofobe

Il Questore di Roma ha disposto la sospensione della licenza di un pub di San Lorenzo.

Frasi omofobe e aggressioni ai danni di un ragazzo e alle sue amiche. Sono queste le accuse che hanno portato, a seguito di verifiche amministrative, il Questore di Roma a disporre la chiusura di un locale di San Lorenzo, a Roma. Questa mattina, la polizia ha notificato il provvedimento al titolare del pub deciso dal Questore a dopo la denuncia di alcuni episodi di violenza accaduti di recente nel quartiere romano e, più precisamente, proprio nel locale a cui è stata sospesa la licenza.

Il mese scorso, un giovane si trovava nel locale con alcune amiche quando è stato aggredito da tre persone e apostrofato con insulti omofobi. Gli aggressori erano stati identificati e denunciati. La vicenda ha dato il via ad accertamenti amministrativi dai quali sono emerse irregolarità tra cui l’assenza di personale addetto alla sicurezza che fossero regolarmente iscritto nell’elenco prefettizio, come richiesto dalla normativa vigente. L’esercizio pubblico rimarrà chiuso per i prossimi sette giorni.

LEGGI ANCHE

Cultura

I killer nella storia della comunità LGBT

In tutto, hanno brutalmente ucciso 34 persone omosessuali.

di Alessandro Bovo | 17 Febbraio 2019

Storie

Congresso Mondiale delle Famiglie: a marzo i personaggi più omofobi...

Un evento per tutte le famiglie? Certo che no! Solo quelle "normali".

di Alessandro Bovo | 16 Febbraio 2019

Storie

Treviso, arriva la mozione anti-gay e anti-aborto

Solo poche settimane fa, Treviso era uscita dalla rete READY.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019