Spagna: boom del turismo gay, vale 3,3 miliardi

Radiografia del turismo gay in Spagna che, secondo fonti del settore, sta registrando un autentico boom.

MADRID – Un mercato da almeno 3,3 miliardi di euro l’anno in continua espansione, 1.250 locali e stabilimenti ad hoc, numerose agenzie dirette solo a questa fascia di utenti: questa è la radiografia del turismo gay in Spagna che, secondo fonti del settore, sta registrando un autentico boom.

L’espansione avviene mentre il parlamento spagnolo deve approvare il 30 giugno una contestata legge che renderà legale il matrimonio omosessuale, facendo della Spagna una eccezione in Europa. Per il 2 luglio è attesa una valanga di arrivi a Madrid per la Giornata dell’orgoglio gay, particolarmente sentita quest’anno dopo la grande manifestazione contro il matrimonio omosessuale organizzata dalla chiesa e dalla destra.

Secondo le fonti del settore, il mercato del turismo gay è ancora più grande se ai 3,2 milioni di gay che si calcola esistano in Spagna si aggiungono altri 4 milioni circa di turisti omosessuali che ogni anno visiterebbero il paese. Ciò farebbe salire il mercato del turismo sessuale a più di 7 miliardi di euro annuali.

Il boom turistico, fatto di destinazioni nazionali e internazionali, ha recentemente portato la Spagna ad aderire per la prima volta nell’Associazione internazionale dei viaggi per omosessuali (Iglta nella sigla inglese).