Spagna: esce primo giornale gratis per omosex

Si chiama “El Periodico Gay”, il primo giornale gratuito per gli omosesuali che oggi è stato distribuito in 25.000 copie per la prima volta a Madrid.

MADRID – Si chiama “El Periodico Gay”, il primo giornale gratuito per gli omosesuali che oggi è stato distribuito in 25.000 copie per la prima volta a Madrid, aggiungendosi alla lunga lista di pubblicazioni gratuite nel Paese. Mensile, 16 pagine in formato tabloid, “El Periodico Gay” la prossima settimana sarà distribuito anche a Barcellona e a Bilbao come riferito all’Afp da uno dei suoi direttori, José Carnerero.

La sua uscita coincide con la giornata internazionale del Gay Pride e anticipa di due giorni l’adozione da parte del Parlamento spagnolo della legge che autorizza il matrimonio fra omosessuali con il diritto di adozione.

“Finalmente!”, titola in prima pagina “El Periodico Gay”, che analizza le ripercussioni della nuova legge e informa i suoi lettori di tutto quello a cui devono pensare prima di sposarsi. Il giornale lancia anche l’allarme per “l’Alleanza della Chiesa con l’estrema destra contro l’omosessualità”.

“El Periodico Gay” si aggiunge alle numerose pubblicazioni spagnole gratuite già esistenti: quattro quotidiani di informazione generale (Metro, 20 Minutes, Qué e Ahora), un quotidiano sportivo (El Crack 10), un settimanale sportivo (Gol), un quotidiano e un settimanale destinati ai latino-americani (Latino e El Nuevo Hispano) e un bimensile.

Sarà distribuito come le altre pubblicazioni gratuite, nei centri città, all’entrata delle stazioni della metro e sulle grandi arterie. “El Periodico Gay” ha potuto contare per il suo primo numero sulla collaborazione del tenente colonnello Sanchez Silva, prima guardia civile spagnola ad annunciare annunciato pubblicamente la sua omosessualità.

Nonostante l’abbondanza delle pubblicazioni gratuite in Spagna, la diffusione della stampa a pagamento si è abbassata solo del 2% dalla comparsa dei gratuiti nel 2000, molto meno della maggior parte degli altri Paesi europei.