Spalato: gay italiani aggrediti perché erano mano nella mano

I due ragazzi erano appena sbarcati in Croazia, insieme ad una comitiva omosessuale, a bordo di una nave da crociera. Ma alcuni cittadini non hanno gradito l’arrivo.

Una coppia di gay italiani è stata aggredita oggi pomeriggio a Spalato, in Dalmazia, da un gruppo di teppisti omofobi. E’ quanto riferisce la stampa croata. Secondo il portale d’informazione ‘Glas Dalmacije’, che riporta anche le foto dei ragazzi immediatamente dopo l’aggressione, i due sarebbero stati pestati perché si tenevano per mano in pubblico, in una via del centro cittadino. La portavoce della polizia locale non ha per ora voluto confermare quest’ipotesi, né rivelare l’identità dei turisti gay italiani. Uno dei due ha riportato ferite alla faccia ed è stato portato al pronto soccorso. I ragazzi aggrediti hanno fornito la descrizione dei teppisti, pare tutti giovani locali, e la polizia sporgerà denuncia contro ignoti.

Oggi la stampa ha parlato estesamente dell’arrivo ieri di una nave da crociera a Spalato con circa 1800 turisti gay, la prima di questo genere che abbia mai fatto sosta in una città dalmata. La ‘Brillance of the Seas’ è ripartita già in giornata, ma sembra che alcuni abitanti della città, conosciuta come uno dei bastioni del conservatorismo in Croazia, fossero stati infastiditi dalla presenza di tanti gay e avessero deciso di fare i conti con la prima coppia visibile che avrebbero incontrato. Nonostante a livello istituzionale in Croazia venga combattuta l’omofobia nelle sue manifestazioni violente considerata anche crimine motivato da odio – l’omosessualità è ben lungi dall’essere tollerata. Non sono rare le aggressioni contro gay, e lo scorso luglio gruppi di violenti hanno tentato di attaccare il corteo della Pride Parade di Zagabria con cocktail Molotov. Nei giorni prima e dopo la manifestazione sono state registrate decine di aggressioni.

Ti suggeriamo anche  Caravaggio, il luogo dell'incontro tra cattolici gay verrà trasferito