Sport: Milano vince il torneo gay di pallavolo

di

Si è concluso sabato il secondo torneo di volley Friendly Versilia Cup. I lombardi della squadra Condor delle Ande hanno prevalso su tutti.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1559 0

VIAREGGIO – Il torneo sportivo GLBT Friendly Versilia Cup che si è concluso sabato e i vari incontri hanno decretato la vittoria della squadra “Condor delle Ande” di Milano. Gli organizzatori sono soddisfatti perché quest’anno la Friendly Versilia Cup è approdata finalmente al Palasport di Viareggio, gentilmente concesso dall’Amministrazione Comunale che ha voluto così patrocinare l’intera manifestazione sportiva. Le squadre partecipanti erano il doppio rispetto alla prima edizione e anche la stampa locale ha dimostrato un sensibile interesse alla visibilità alla presenza della comunità gay e lesbica sportiva in città, dimostrando così ancora una volta di non essere una comunità solo legata al turismo e alla vita notturna. Il torneo fa parte della serie di iniziative del Consorzio Friendly Versilia organizzate per una stagione estiva ricca di eventi ed iniziative dedicati alla comunità LGBT (lesbica, gay, bisessuale e transessuale) tra Torre del Lago e Viareggio, in Versilia. Il torneo richiama tutte le realtà italiane di volley gay e lesbico, con squadre provenienti da Milano, Bologna, Torino, dal Veneto, da Roma, ed ha visto nel tempo la partecipazione di due squadre peruviane. Circa duecento sono gli atleti che hanno raggiunto Viareggio e Torre del Lago e che sono stati alloggiati nei campeggi, nei b&b e negli hotel aderenti al Consorzio.
La finale del torneo è iniziata alle ore 18 e la premiazione è stata condotta dalle due “Regine” della Versilia: Regina Satariano, Presidente del Consorzio Friendly Versilia, e Regina Miami, star del Mama Mia di Torre del Lago. «Friendly Versilia Cup – ha commentato Regina Satariano, Presidentessa del Consorzio – rappresenta ormai nel panorama italiano dello sport LGBT un appuntamento fisso e imperdibile. Lo sport è innanzitutto aggregazione ed è per questo che il Consorzio, investendo su questa iniziativa che è alla sua seconda edizione: obiettivo dichiarato è quello di generare in gay e lesbiche autorispetto e orgoglio di se e della propria identità, e negli eterosessuali rispetto e comprensione in un settore, quello sportivo, troppo spesso ancora legato alla forza, alla virilità e al machismo.» (RT)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...