Stati Uniti, il ministro della Giustizia: “La legge sui diritti civili non prevede protezione per le persone LGBT”

di

Per il capo del Department of Justice le discriminazioni sono legittime: la legge sui diritti civili del 1964 non parla di orientamento sessuale.

jeff sessions donald trump stati uniti governo casa bianca
CONDIVIDI
68 Condivisioni Facebook 68 Twitter Google WhatsApp
4872 2

Dopo l’attacco ai transgender nelle forze armate l’amministrazione Trump prova a sferrare un nuovo colpo ai diritti civili della comunità LGBT.

Il dipartimento di giustizia americano, guidato dall’omofobo Jeff Sessions, è intervenuto in difesa di un imputato accusato di discriminazione sul posto di lavoro motivata dall’orientamento sessuale. L’uomo avrebbe fatto mobbing su un suo dipendente gay.

Il dipartimento dell’amministrazione Trump ha emanato una nota secondo cui il Civil Rights Act del 1964 non contempla l’orientamento sessuale tra le discriminazioni proibite. Nel testo della legge si parla di “razza, colore della pelle, religione, sesso e nazionalità”.

L’interpretazione estensiva della discriminazione su base sessuale fatta dalla “Equal Employement Opportunity Commission”, arrivando a comprendere anche l’orientamento sessuale tra i possibili casi, non è specificata dalla legge e quindi non sarebbe ammissibile davanti ai tribunali americani.

James Esseks, direttore dell’American Civil Liberties Union, l’associazione per i diritti civili protagonista nella campagna per il matrimonio egualitario, ha dichiarato che non è tra i poteri dell’amministrazione fare queste valutazioni:“È l’ennesimo attacco gratuito sui diritti delle persone LGBT. In questo momento il Dipartimento di Giustizia sta lavorando attivamente per esporre le persone alla discriminazione”.

Leggi   Verona ospiterà il World Congress of Families: nello spot anche i faccioni di Salvini e Fontana
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...