Gli steward gay di Air France contro l’Iran

di

La legge islamica punisce le diversità, ed è sentita come una minaccia dai dipendenti di Air France

hostess_steward_air_france
CONDIVIDI
68 Condivisioni Facebook 68 Twitter Google WhatsApp
4676 3

È scoppiato un caso sulla riapertura dei collegamenti aerei tra Parigi e Teheran da parte di Air France (i voli saranno attivi dal 17 aprile ed erano stati interrotti otto anni fa), grazie all’accordo sul nucleare e al termine delle sanzioni contro l’Iran. Alle hostess è stato imposto dalla compagnia l’utilizzo di velo e pantaloni, prerogativa essenziale per permanere in sicurezza nello Stato.

air_france_protesta_steward_gay

Immediata la reazione dei sindacati: “A giudizio delle hostess queste indicazioni non hanno niente di professionale, e sono vissute come delle vere offese alla loro dignità. Per alcune di loro, questo è particolarmente insopportabile“, afferma Jean-Marc Quattrochi, segretario del sindacato Unac. La replica di Air France è secca: le regole iraniane sono imposte a tutte le compagnie aeree del mondo, e “la tolleranza e il rispetto dei costumi dei Paesi che serviamo fanno parte dei valori dell’azienda”. Il direttore delle Risorse umane della compagnia, però, ha affermato che: “ricorrerà a un dispositivo di emergenza per sostituire le assistenti di volo che rifiuteranno di indossare il velo“.

steward_gay_protestano_per_le_rotte_di_air_france_in_iran

Gli steward gay invece, e in particolare quelli omosessuali, si sono fermamente opposti alla decisione. Un certo Laurent M. ha lanciato una petizione su Change.org, che recita:“Gli steward gay di Air France non vogliono volare verso la pena di morte in Iran.

Se da una parte la compagnia ha affermato di non aver mai avuto problemi con l’omosessualità dei propri dipendenti nei Paesi che condannano, dall’altra vi è un principio morale che questi steward gay vogliono mantenere: “di certo, la nostra sessualità non è scritta sui passaporti e non cambia il nostro modo di lavorare. Ma è inconcepibile forzare qualcuno ad andare in un Paese dove costui viene condannato a morte per quello che è”.

Le pene contro i gay nello Stato dell’Iran, che rispetta la shari’a islamica, sono pesantissime: si va dalle 74 frustate per i minori alla pena di morte per gli adulti.

petizione_air_france_iran

Mentre i governi internazionali si affrettano a stipulare nuovi accordi economici e politici con l’Iran senza battersi affinché vengano rispettati i diritti umani basilari nel Paese, questi uomini e queste donne ci ricordano che è più importante battersi per un ideale con un gesto forte e coraggioso che sottostare alla policy di una multinazionale.

Se volete aiutarli in questa causa, firmate la petizione qui.

Leggi   Cuba, dopo l'addio dei Castro si avvicina il matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...