La storia LGBT diventa materia di studio in una scuola pubblica USA

A San Francisco si studierà la storia delle lotte per i diritti dei gay

Mentre in Italia aprirà a breve un’altra scuola materna “anti-gender“, sull’altra sponda dell’Atlantico una scuola superiore PUBBLICA offrirà presto ai suoi studenti, per la prima volta negli States, un corso di storia Lgbt. Lyndsey Schlax, l’insegnante che curerà il corso presso la Ruth Asawa School of the Arts di San Francisco, ha dichiarato ai giornalisti della CBS che altri istituti privati sparsi per il paese hanno già proposto questo tipo di lezioni, ma sarà la prima volta in assoluto per un istituto pubblico.

Stando alle dichiarazioni della Schlax, le lezioni tratteranno la storia del genere e della sessualità, l’impatto della tematica sui media principali, la percezione politica e sociale della comunità Lgbt nei diversi continenti con particolare riguardo per le lotte (nazionali ed internazionali) che la comunità omosessuale ha combattuto e sta ancora combattendo nel mondo. “Cercheremo di capire cosa abbiano provato gli uomini gay, le donne lesbiche e i transgender vivendo in epoche di estrema chiusura mentale e senza alcun tipo di tutela. Con gli studi Lgbt, i nostri studenti impareranno nozioni inerenti alla difesa legale, all’ attivismo, e alla storia dell’affermatissima comunità Lgbtq“, ha dichiarato la docente.

25 Studenti hanno già inoltrato la loro richiesta d’iscrizione, e le lezioni hanno già ricevuto il benestare della University of California, che ha riconosciuto il corso come preparatorio per il college.

LEGGI ANCHE

Storie

Congresso Mondiale delle Famiglie: a marzo i personaggi più omofobi...

Un evento per tutte le famiglie? Certo che no! Solo quelle "normali".

di Alessandro Bovo | 16 Febbraio 2019

Storie

Treviso, arriva la mozione anti-gay e anti-aborto

Solo poche settimane fa, Treviso era uscita dalla rete READY.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019

Storie

Radio Globo torna a offendere le coppie omosessuali, la denuncia...

La nuova affermazione omofoba mentre era presente anche Fabrizio Marrazzo.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019