Studenti LGBT nell’Oregon lapidati col cibo e costretti a leggere la Bibbia

Quante di queste brutte storie dobbiamo continuare a sentire?

Questa è una storia in cui il cibo appare solo come strumento deplorevole di violenza fisica e psicologica ai danni di un* studente transgender. In una scuola di campagna nell’Oregon, USA, studenti gay e lesbiche sono stati derisi da insulti omofobi e costretti dal preside a leggere la Bibbia come punizione per le loro “malefatte”.

È quanto rende noto il New York Times, parlando della North Bend High School. Nel liceo, studenti LGBT erano abituati ad anni ed anni di soprusi e bigotteria da parte dei loro compagni e, ancor peggio, da parte di insegnanti e preside. Si parla di ragazzi lapidati col cibo nella mensa, insulti continui nei corridoi, e insegnanti conniventi. Violenze taciute dal clima denso e omertoso di una scuola dove il fanatismo cristiano è più importante dell’insegnamento della cultura e della tolleranza.

Per fortuna, due ragazze hanno avuto il coraggio di denunciare le vicende e dare il via a un’attività investigativa, per punire i responsabili. Negli USA – e non solo, come purtroppo sappiamo – il problema del bullismo a sfondo omofobico è all’ordine del giorno. Tanti gli studenti LGBT che soffrono di depressione e si tolgono la vita per le vessazioni ricevute ogni giorno. Anche in Oregon, patria della progressivissima Portland.

I funzionari della scuola hanno inizialmente negato l’uso della Bibbia come punizione speciale, salvo poi cambiare versione e affermare che questo trattamento era riservato loro non tanto per promuovere la religione quanto per aiutare gli studenti a capire gli effetti di “certi loro comportamenti”.

Ti suggeriamo anche  Descendants 2, censura della Disney: tagliato un bacio gay

L’indagine ha per ora confermato prove sostanziali di discriminazione contro gli studenti gay, lesbiche, bisex e transgender delle North Bend High School. Per il momento, però, non è ancora stata prodotta nessuna conseguenza giuridica e per il 24 maggio è attesa un’udienza per “mettere d’accordo le parti”. Come se fosse un qualcosa per il quale si possa raggiungere un accordo.

Speriamo ci siano conseguenze un po’ più gravi che il rimborso della lavanderia per il cibo gettato addosso alle vittime degli attacchi.

 

2 commenti su “Studenti LGBT nell’Oregon lapidati col cibo e costretti a leggere la Bibbia

  1. Quanto riportato in questo articolo è tendenzioso, già a partire dal sensazionalismo del titolo, e dall’uso della parola “lapidati” per riferirsi ad episodi (frequenti? sporadici? tutto ancora da accertare) di lanci di cibo che peraltro accadono allo stesso modo tra studenti eterosessuali e non denotano altro che immaturità e maleducazione. La cosa più grave è che vengono validate come colpe quelle che a tutt’oggi sono ancora soltanto “accuse” (allegations) non ancora provate – tanto che saranno oggetto di dibattimento il prossimo 24 maggio. Ma che importa, tanto basta per creare l’ennesimo caso mediatico di persecuzione e discriminazione ai danni dei “poveri” studenti LGBT…e questo in un contesto mondiale (e quindi non solo americano con il First Amendment) che ormai discrimina studenti e insegnanti eterosessuali che osino obiettare all’imposizione di tollerare ogni ostentazione di pratiche sessuali LGBT perchè ormai non hanno più il diritto di considerarle offensive o gratuite o inopportune: chi è davvero il persecutore e chi il perseguitato?? E se un insegnante ritiene che la Bibbia contenga veramente la parola e la volontà del Creatore, che considera a ragione abominevoli un certo numero di comportamenti umani, tra cui l’accoppiamento tra individui dello stesso sesso, e ritiene che i suoi studenti debbano esserne “informati”, deve essere considerato un criminale? La stessa giurisprudenza americana è piena di casi controversi che nascono dal conflitto – all’interno del Primo Emendamento – tra la cosiddetta Establishment Clause (che vieta qualsiasi legge che imponga un determinato credo o pratica religiosi) e la Free Exercise Clause (che invece salvaguarda il diritto di praticare un determinato credo). In conclusione, ci troviamo al cospetto dell’ennesima notizia strumentalizzata ipocritamente – senza attendere alcun verdetto sull’effettivo svolgimento dei fatti – per manipolare l’opinione pubblica contro chiunque non accetti supinamente l’ideologia genderista e omosessualista. Se poi la notizia “presta il fianco” a screditare e condannare come strumento persecutorio la stessa parola di Dio, tanto meglio..sicuri che di tutto questo non dovrete rispondere ad un tribunale superiore a quelli umani?

    1. Cambia spacciatore , starai meglio! Chi è questo Mr. Dio ? Le sole leggi valide per tutti i cittadini titolari di diritti e doveri sono quelle scritte nei Codici Civili e Penali.

Lascia un commento