Stuprato, aggredito e derubato: “E’ gay, mi fa schifo”

Una violenza inaudita, questa volta con l’aggravante dello stupro, e 25 giorni di prognosi per un giovane riminese vittima della cieca barbarie di un abituè della violenza carnale. Arrestato l’uomo.

Non accenna a placarsil’ennesima ondata di omofobia estiva che ha sconvolto l’Italia anche quest’anno. L’ultima, tragica, notizia arriv da Rimini dove lo scorso 25 agosto (la notizia è stata diffusa solo ieri, ndr) un giovane gay è stato aggredito, stuprato e derubato.Un episodio di particolare efferatezza che, però, la vittima ha avuto il coraggio di denunciare. La violenza è stata brutale e cieca al punto che la prognosi che l’ospedale ha dato al giovane che l’ha subita è di ben 25 giorni. L’aggressore, che è stato denunciato ed immediatamente arrestato dalle forze dell’ordine, ha dichiarato di non essere omosessuale e di aver picchiato la vittima perché gli faceva schifo in quanto gay. Una sorta di punizione sessuale, quindi, per la sua natura di omosessuale.

A rendere noto l’episodio è l’Arcigay di Rimini che racconta la "dinamica barbarica della violenza, con lo stupro a cui sono seguite le botte e gli insulti" che hanno costretto la giovane vittima a ricorrere alle cure ospedaliere.

"Questa denuncia – spiega il presidente di Arcigay Rimini Alessandro Tosarelli – è il segno di un cambiamento di prospettiva che porta finalmente gli omosessuali a rivolgersi alle forze dell’ordine per denunciare le violenze subite, qualunque sia la loro forma, e dovrebbe far riflettere il legislatore sull’urgenza di una legge di tutela dalla violenza per la minoranza gay, lesbica, bisessuale e transessuale omosessuale".

E la stampa locale, a dire di Arcigay, ha tentato di sminuire l’accaduto riducendo il tutto ad "una notte di sesso fra i due maschi ubriachi, entrambi single e da soli in vacanza" e trattando la vicenda come "una storia dai risvolti boccacceschi". Il quotidiano, insomma, avrebbe lasciato intuire che i due si conoscessero e che il rapporto fosse consensuale.

Ti suggeriamo anche  11 episodi più importanti per la comunità LGBT nel 2018

In realtà, la ricostruzione fatta dalle Forze dell’Ordine avvalora la versione della vittima, per non parlare del fatto che è stato lo stesso aguzzino, che ha già precedenti di stupro ai danni di una donna, a spiegare che è stato il disprezzo verso i gay a portarlo ad aggredire il ragazzo.

E mentre un team di avvocati messo a disposizione dall’associazione riminese assiste la giovane vittima, Arcigay chiede a "La Voce di Rimini" una smentita di quanto scritto e delle scuse pubbliche alla vittima che dalle pagine del quotidiano ha subito l’ennesima umiliazione.