Azienda realizza pubblicità gay friendly e crollano i follower

di

E' bastata una campagna pubblicitaria gay-friendly per far perdere ad un'azienda olandese oltre 10.000 follower Instagram.

CONDIVIDI
7 Condivisioni Facebook 7 Twitter Google WhatsApp
9198 2

Una società internazionale di abiti maschili ha realizzato una campagna pubblicitaria “gay-friendly” ed è andata incontro ad un clamoroso contraccolpo social.

Suitsupply, con sede nei Paesi Bassi, ha presentato online la nuova campagna primavera / estate 2018. Una campagna esposta nei 91 negozi del marchio in 22 Paesi diversi, oltre a comparire su Twitter, Facebook e Instagram.

Le immagini mostrano modelli in posa come coppie gay, tutt’altro che volgari e molto affascinanti, eppure non pochi reclami sono piovuti su Suitsupply, accusata di ‘promuovere la vita omosessuale’. NRC Handelsblad, quotidiano olandese, ha riferito che la società avrebbe perso oltre 12.000 follower sul suo profilo Instagram dopo la pubblicazione delle pubblicità.

Prima di lanciare la campagna, Fokke de Jong, fondatore e amministratore delegato del marchio, aveva dichiarato: “L’attrazione svolge un ruolo fondamentale nelle pubblicità di moda. Una campagna caratterizzata dall’attrazione tra due uomini era attesa da tempo ed è particolarmente rilevante per il nostro marchio“.

De Jong aveva tenuto conto delle potenziali critiche, ma non si era detto preoccupato.

Leggi   Leo Varadkar, il premier irlandese si scusa con i gay perseguitati dalle leggi omofobe - video
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...