Svezia, le forze armate celebrano il Pride: “Difendiamo i valori che abbiamo il compito di difendere”

di

Straordinaria campagna LGBT per le Forze Armate svedesi in vista dell'EuroPride di Stoccolma e Goteborg.

CONDIVIDI
1.4k Condivisioni Facebook 1.4k Twitter Google WhatsApp
3024 0

Le forze armate svedesi hanno celebrato l’imminente EuroPride con una straordinaria campagna ad hoc.

Il Försvarsmakten ha condiviso un messaggio di solidarietà alla comunità LGBT, in quanto la Svezia ospiterà l’evento tra Stoccolma e Göteborg. Sugli account social delle Forze Armate sono comparse diverse immagini a sostegno dei diritti LGBT. In una di queste abbiamo due soldati con la faccia dipinta d’arcobaleno e un chiaro slogan: “Non marciamo sempre dritto”. ‘Straight’, in questo caso, significa anche ‘etero’.

“Non importa quando o dove marciamo, sosteniamo sempre il diritto di vivere come tu voglia e con chiunque tu voglia”, grida la didascalia, con la banda militare svedese e i paracadutisti dell’esercito dotati di bandiera rainbow che parteciperanno al Pride di Goteborg. “Difendiamo i valori che abbiamo il compito di difendere”, si legge in un altro annuncio, per poi ribadire come “le forze armate svedesi sono un posto di lavoro inclusivo in cui consideriamo la diversità delle persone come una forza. Siamo stati al fianco del Pride sin dal primo millennio perché è importante prendere posizione e dimostrare che difenderemo l’uguale valore di tutte le persone, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, identità di genere o espressione di genere”. “Difendiamo la Svezia, gli interessi del paese, le nostre libertà e il diritto di vivere come vogliamo. “Qui e ora, stiamo identificando e fermando le violazioni di questi diritti sulla terra, nell’aria, in mare e online. Perché il nostro compito è difendere tutte le libertà e i diritti di cui godiamo – nella Svezia aperta che ci aspettiamo“.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   I tram rainbow di Göteborg per l'Europride venduti all'asta
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...